Pubblicato il

Faceva la spesa nei comuni del comprensorio con banconote false: arrestato dai Cc

TARQUINIA – Aveva fatto la spesa presso negozi di Cerveteri, Civitavecchia, Grosseto, Manciano, Castel del piano e molti altri del Lazio e della Toscana, pagando sempre con banconote da duecento euro false e recanti, tutte, lo stesso numero seriale; riuscendo sempre a farla franca. Ma è stata la prontezza di un commerciante di Ischia di Castro a fermare il falsario, un piemontese con precedenti specifici, che ha tentato di fare la spesa anche nel piccolo centro del viterbese. Una brillante operazione è stata infatti portata a termine nella giornata di ieri dai Carabinieri della compagnia di Tuscania. In particolare, una pattuglia di quell’aliquota radiomobile, ricevuta la segnalazione del commerciante si è messa subito sulle tracce del truffatore, rintracciato e bloccato mentre si dava alla fuga. Immediatamente è scattata la perquisizione nei confronti dell’uomo che nascondeva ben 26 banconote false da duecento euro, pronte per essere messe in circolazione. Il piemontese aveva con se anche diverse migliaia di euro “buoni”, provento della sua attività delittuosa, oltre a diversi generi, soprattutto alimentari, acquistati sino a poche ore prima in vari comuni. Una volta in caserma, i militari del Nucleo operativo hanno poi accertato che gli acquisti erano stati pagati dal fermato con altrettante banconote false dello stesso taglio di quello rinvenuto presso ignari negozianti di Cerveteri, Civitavecchia, Grosseto, Manciano e Castel del piano. Immediati e tempestivi accertamenti hanno permesso poi di individuare e contattare questi ultimi che hanno consegnato le banconote già messe in circolazione, che sono state sequestrate, mentre l’uomo è stato arrestato e già nella mattinata odierna portato davanti all’autorità giudiziaria di Viterbo per la convalida dell’arresto ed il successivo rito direttissimo, a conclusione del quale l’uomo e’ stato condannato a 10 mesi di reclusione, più 200 euro di multa.

 

ULTIME NEWS