Pubblicato il

‘‘Gialli & noir’’ si veste di rosa

TOLFA. Sabato tematiche al femminile  per l’evento culturale presentato da Gino Saladini. Un riconoscimento alla donna grazie al contributo della Fondazione Cariciv

TOLFA. Sabato tematiche al femminile  per l’evento culturale presentato da Gino Saladini. Un riconoscimento alla donna grazie al contributo della Fondazione Cariciv

TOLFA – Tolfa Gialli & Noir si veste di rosa e torna a invadere il palco del teatro Claudio della città collinare. Nel giorno simbolicamente dedicato alla donna (sabato 8 marzo), si parlerà di temi ad essa strettamente correlati. Da una parte ci sarà infatti la donna fragile, vittima di soprusi e di violenze, dall’altra parte invece la donna cattiva, vendicativa e violenta. «Si tratta – ha spiegato lo scrittore e presentatore dell’evento, Gino Saladini – di un riconoscimento alla Festa della Donna”, reso possibile grazie al contributo della Fondazione Cariciv. A salire sul palco saranno infatti tre donne. Tutte con intense personalità e con tante storie da raccontare. A rappresentare la donna “come fiction” ci penserà l’attrice, appassionata di letteratura, Francesca Ventura che sabato parlerà dei suoi gialli ambientati in Toscana: Rosso d’annata e Giallo etrusco. Per la donna “come saggistica” prenderà invece parte all’evento Federica Marchetti, giallista a tutto tondo che presenterà “La Signora in giallo. Che fine ha fatto Jessica Fletcher?”. Per la donna, “come lavoro sul campo” invece, quest’anno il teatro Claudio ospiterà Flaminia Bolzan Mariotti Posocco, specialista in ambito forense dei profili psicologici dei soggetti, autori e vittime, di crimini violenti. Insomma, una vera e propria festa culturale interamente dedicata alle donne e che Tolfa vorrebbe sempre più promuovere così da farla sbarcare anche all’estero. Come accade già, con la partecipazione alla manifestazione che, come da “tradizione” ormai si svolge ad ottobre di scrittori norvegesi. Perché per il sindaco Luigi Landi “si tratta di un filone che ha un suo successo e che ci rappresenta sempre con originalità”. Una kermesse nata nel 2012 dall’impegno dell’associazione Chirone e dalla passione dimostrata da Glauco Felici che anche dopo la sua scomparsa prematura è rimasta una delle colonne portanti di questo evento, stimato e fortemente apprezzato dalla Fondazione Cariciv e dal suo presidente Vincenzo Cacciaglia che ancora una volta ha tenuto a sottolineare l’importanza di promuovere eventi culturali di questa portata non solo in Collina, ma su tutto il territorio. “Bisogna promuovere sempre di più la cultura – ha infatti spiegato l’avvocato Cacciaglia – riuscire a creare eventi e manifestazioni che coinvolgano sempre più realtà, più comuni del comprensorio”.

ULTIME NEWS