Pubblicato il

Troppi suicidi: volontari in prima linea

CIVITAVECCHIA – «Nel giro di pochi giorni, in città ed anche nel comprensorio, si ripete il dramma di persone che, inaspettatamente, senza dare particolari segnali di disagio, decidono di togliersi la vita. Si tratta di eventi tragici ai quali purtroppo ci stiamo abituando, quasi rassegnati ad un evento diventato ormai troppo frequente». L’allarme è del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato di Civitavecchia, nato per realizzare una rete operante tra le onlus che operano sul territorio, definendo anche progetti e programmi comuni, sviluppando una sempre più consapevole “cittadinanza attiva”. E proprio il Coordinamento ha voluto reagire a questa situazione, che vede il tasso di suicidi aumentato del 60% negli ultimi 45 anni con quasi un milione di persone che ogni anno  muoiono per suicidio, in tutto il mondo. L’entità del problema è ancora più significativa quando si include il numero dei tentati suicidi che risulta 20 volte più alto del suicidio portato a termine. «Abbiamo così attivato, attraverso l’istituzione di un numero verde – hanno spiegato dal coordinamento – un servizio telefonico in grado di ascoltare la voce di chi, disperato, stia mandando un segnale di aiuto. Abbiamo già organizzato e concluso un corso per volontari, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia, in grado di rispondere in maniera adeguata e professionale a questa emergenza. I volontari ci sono, sono pronti ad offrire gratuitamente il loro servizio: manca soltanto la disponibilità delle istituzioni ad offrire una sede adeguata ed un contributo per le utenze». Motivo per il quale dal coordinamento rimangono fiduciosi in attesa di risposte positive «a domande – hanno aggiunto – già inoltrate agli organi competenti, nella consapevolezza che ogni ritardo può costare vite umane, dolore ed impoverimento del tessuto sociale e di tutta la comunità». Attualmente fanno parte del coordinamento di associazioni l’Adamo onlus (associazione domiciliare assistenza malati oncologici), l’Adiciv (associazione diabetici Civitavecchia), l’Andos (associazione nazionale donne operate al seno), la Caritas diocesana, la comunità Mondo Nuovo, Futuro onlus, Movimento per la vita, associazione Mara (malattie ambientali reciproco aiuto). Il coordinamento ha anche proposto un concorso, indirizzato agli studenti di ogni ordine e grado del distretto F1, per la realizzazione di un logo e di una locandina per il servizio di ascolto telefonico. Gli elaborati dovranno pervenire entro il 4 aprile prossimo.
 

ULTIME NEWS