Pubblicato il

"Le battaglie di civiltà fatte con il rispetto della legalità ottengono grandi risultati"

TIRRENICA. Il Comitato per la mobilità soddisfatto per la manifestazione del primo marzo e non abbassa la guardia

TIRRENICA. Il Comitato per la mobilità soddisfatto per la manifestazione del primo marzo e non abbassa la guardia

TARQUINIA – Il Comitato per il Diritto alla mobilità di Tarquinia ringrazia tutti coloro che malgrado la giornata piovosa hanno partecipato alla manifestazione del 1 marzo. I partecipanti hanno sfilato sul viadotto del fiume Mignone, sull’Aurelia, dove hanno realizzato un flash mob raffigurante un ponte che simbolicamente ha unito le due sponde del fiume, e hanno chiesto, ancora una volta, che il ponte sostitutivo venga realizzato subito. “Oltre 50 giorni di presidio hanno unito una comunità – commentano dal comitato – che, attraverso la condivisione, ha  preso coscienza di sé e della necessità di trovare, nel rispetto dei diritti sanciti dalla costituzione, il proprio obiettivo comune. Il Comitato è orgoglioso dei risultati raggiunti e sta organizzando  nuove forme di protesta, nate dall’esperienza del presidio, diventato più che mai un simbolo ed un esempio per i tanti comitati lungo la Tirrenica”. “E’ dal presidio  – proseguono gli esponenti del Comitato – che verranno lanciate le  prossime iniziative che manterranno vivo l’interesse su questa vicenda. La Sat sa bene che faremo in modo di mantenere sempre acceso il riflettore sul nodo del ponte che non c’è, sul cantiere dell’autostrada, sulle complanari inadeguate al traffico che dovranno sostenere (compresa la Sp Litoranea e Lupo Cerrino che in questi giorni sono state interessate dai lavori di adeguamento).  I cittadini sono pronti alla mobilitazione  per il momento che da sempre temono, la chiusura della strada Melledra Farnesiana, che li obbligherà a percorrere quel ‘giro di Peppe’ che ormai tutti riconoscono come inadeguato e pericoloso. Mobilitazione che risulterebbe inevitabile qualora la Sat avesse il coraggio di chiudere la strada prima di aver realizzato le complanari adeguate”. Gli impegni del Comitato sono ancora tantissimi: “nei prossimi giorni – dicono – saremo in Regione Lazio per incontrare alcuni consiglieri regionali della maggioranza e dell’opposizione, che si sono resi disponibili a collaborare per affrontare insieme il problema della mancanza di una viabilità complanare continua tra Montalto di Castro, Tarquinia e Civitavecchia per i lotti 6A Civitavecchia-Tarquinia  e 6B Tarquinia-Pescia Romana. Il prossimo appuntamento pubblico sarà dedicato alla presentazione del progetto di variante del lotto 6B, variante ancora in fase d’approvazione e che riguarda proprio il ponte sul fiume Mignone e sulla quale il Comitato presenterà le proprie osservazioni”. (a.r.)
 

ULTIME NEWS