Pubblicato il

Federica Mangiapelo è morta per annegamento

Federica Mangiapelo è morta per annegamento

OMICIDIO BRACCIANO. Lo dimostrerebbe il fungo schiumoso fuoriuscito dalla sua bocca, secondo quanto accertato dalla consulenza del pneumologo Cesare Maria Fiorani disposta dalla procura di Civitavecchia. Del caso si è parlato durante la trasmissione tv “Quarto grado’’

BRACCIANO – Nuove rivelazioni nell’inchiesta per la morte di Federica Mangiapelo, la 16enne ritrovata senza vita all’alba del primo novembre 2012 sul lago di Bracciano. La giornalista Ilaria Cavo, nel corso della puntata di “Quarto Grado”, ha fornito nuove rivelazioni sulla consulenza medico-legale chiesta un mese e mezzo fa dal pm di Civitavecchia Eugenio Rubolino per stabilire le cause della morte della ragazza dopo che il gip aveva rigettato l’archiviazione del fascicolo per omicidio volontario a carico del fidanzato Marco Di Muro. Tre gli esperti incaricati: Carlo Gaudio (cardiologo), Luigi Cipolloni (medico legale) e Cesare Maria Fiorani (pneumologo). È stata conclusa la prima delle tre consulenze richieste, quella del pneumologo Cesare Maria Fiorani: per la prima volta, da quando il caso si è aperto, chiarisce che Federica non ha avuto un arresto cardiaco ma è  annegata. Lo dimostrerebbe il fungo schiumoso fuoriuscito dalla sua bocca. Sul collo è stata trovata una lesione sospetta. Per il pneumologo – il primo degli esperti ad essersi espresso – si tratta di un graffio inferto mentre Federica era ancora in vita. Quindi la possibile prova di una colluttazione. Marco Di Muro, il fidanzato della 16enne, ad oggi è indagato sia per omicidio volontario sia per abbandono di incapace. Bisognerà aspettare le conclusioni degli altri due consulenti, Gaudio (cardiologo) e Cipolloni (medico legale), per tracciare in modo complessivo la dinamica di quello che è accaduto. Cardiologo e medico legale, secondo ‘’Quarto Grado’’, sarebbero intenzionati a ribadire – come aveva detto a suo tempo l’autopsia – che Federica sia morta per una miocardite – un’infezione acuta al cuore – scaturita da una fuga, una lite, o una colluttazione. La sintesi dei risultati ora è nelle mani del pubblico ministero. (a.r.)

ULTIME NEWS