Pubblicato il

Mecenate Tv, inaugurazione alla presenza delle autorità

Mecenate Tv, inaugurazione alla presenza delle autorità

CIVITAVECCHIA – Inaugurazione in grande stile per l’emittente televisiva Mecenate Tv ieri mattina nei nuovi studi di via Felice Guglielmi 1. Alla presenza del Vescovo Luigi Marrucci che ha benedetto i nuovi e tecnologici studi (2 regie, 2 studi, 3 sale montaggio, 1 cabina audio, sala riunioni oltre all’open space redazionale) l’avvocato Vincenzo Cacciaglia, presidente della Fondazione Cariciv, ha tagliato il nastro davanti alle principali autorità di tutto il comprensorio. «Sarà una televisione di servizio – ha spiegato il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia Vincenzo Cacciaglia – è questa la mission che la nuova televisione vuole perseguire e raggiungere fino in fondo. Riportando nelle case dei cittadini, non solo di Civitavecchia ma di tutto il comprensorio, programmi utili, comprensibili e soprattutto che possano arricchire sempre di più il bagaglio culturale di ciascuno».
«Un lavoro importante ma che ci appassiona» ha sottolineato l’ingegnere Franco Passeri, direttore di Mecenate srl, la società operativa della Fondazione Cariciv. «Si tratta – ha ripreso Cacciaglia – di una televisione che farà in modo che il pubblico comprenda cosa viene detto, i messaggi diffusi». Ma sarà anche una televisione che si occuperà di diffondere la storia del territorio. Un tuffo nel passato, nell’accezione positiva del termine: «Vogliamo realizzare una emittente di servizio, realizzando trasmissioni anche per i giovani». E tra gli obiettivi c’è quello di riportare la prosa nel piccolo schermo, riabituando il pubblico ad una tv di qualità, fatta di cultura e non solo. Ci si occuperà, infatti, di tutti quei settori che stanno a cuore alla Fondazione: legalità, infanzia, cultura, sanità ed anche sport. Ed è proprio in questa direzione che la tv (che passerà dalla vecchia denominazione Provincia Tv a Mecenate Tv) dovrà muovere i suoi passi. Tutto senza alcun obiettivo di guadagno. «Tutto quello che riusciremo a guadagnare – ha infatti sottolineato Cacciaglia che ha più volte ringraziato tutto l’organo di indirizzo della Fondazione – verrà infatti rinvestito sul territorio. È stato un lavoro lungo e complesso, che ha portato a una struttura di cui siamo fieri e un gruppo di persone di cui siamo fieri». Il canale rimarrà il 667 del digitale terrestre. La redazione è composta dal direttore Cristina Gazzellini, Stefano Pettinari, Sonia Bertino e Luca Grossi.
 

ULTIME NEWS