Pubblicato il

Truffa dello specchietto a Tarquinia: due denunce della Polizia

Truffa dello specchietto a Tarquinia: due denunce della Polizia

TARQUINIA – Hanno tentato anche stavolta di farla franca ma non ci sono riusciti, imbattendosi in un anziano arzillo che non è caduto nella trappola e al contrario ha chiamato la Polizia. Due siciliani di Catania, di 19 e 20 anni, con precedenti specifici, sono stati denunciati dagli uomini del Commissariato di Tarquinia, diretti dalla dottoressa Gina Cordella, per tentata truffa aggravata dello specchietto. La coppia, secondo quanto raccontato dall’anziano che viaggiava a bordo di un’ape, si sarebbe avvicinata al vecchietto, ultraottantenne, che era in movimento, colpendolo con lo sportello. I due viaggiavano a bordo di un’auto di colore chiaro, con tanto di specchietto retrovisore rotto; hanno subito tentato di addebitare il danno al povero anziano, invitandolo a non procedere ad alcun Cid e a pagare invece qualche decina di euro per la riparazione. Per tutta risposta l’anziano ha però reagito chiamando la polizia che, giunta sul posto con una volante, ha fermato i due dopo un rapido inseguimento per oltre due chilometri, avvenuto tra la Litoranea e il Lido. Una volta bloccati, i due sono stati condotti in Commissariato e identificati dalla vittima, quindi sono stati denunciati per tentata truffa, oltre che sanzionati per violazione del codice della strada e raggiunti dal foglio di via obbligatorio per tre anni con provvedimento del questore di Viterbo Gianfranco Urti. Dai controlli effettuati dalle forze dell’ordine è emerso che i due hanno all’attivo numerosi precedenti proprio per le cosiddette truffe dello specchietto perpetrate in tutta Italia. In proposito la Questura raccomanda e ricorda di “prestare la massima attenzione a quei soggetti che, in qualsiasi modo, prendono spunto per avvicinare chiunque, in particolare persone sole ed anziane, per poi perpetrare truffe, a volte anche consistenti. Si invita a segnalare qualsiasi movimento sospetto alle Forze di Polizia”. Continua l’attività peculiare di controllo del territorio da parte del personale del Commissariato di Tarquinia. (a.r.) 

ULTIME NEWS