Pubblicato il

Nuovi progetti: una boccata d’ossigeno per le aziende

SANTA MARINELLA. L’amministrazione comunale torna sulle opere pubbliche che saranno realizzate nei prossimi tre anni. Sulla nuova sede comunale Bacheca: «Sarà un edificio antisismico e con precisi obiettivi di rendimento energetico»

SANTA MARINELLA. L’amministrazione comunale torna sulle opere pubbliche che saranno realizzate nei prossimi tre anni. Sulla nuova sede comunale Bacheca: «Sarà un edificio antisismico e con precisi obiettivi di rendimento energetico»

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – In un periodo in cui una grave crisi economica investe tantissime attività commerciali, edilizie ed artigiane, contare su una serie di progetti come quelli presentati dall’amministrazione comunale su alcune opere pubbliche che verranno realizzate da qui ai prossimi tre anni è sicuramente una boccata di ossigeno per le aziende che saranno interessate ai lavori e per l’intero indotto cittadino.
Sulla questione relativa ad una delle opere più attese degli ultimi cinquanta anni e cioè la nuova sede comunale, il primo cittadino conferma che l’idea proviene da accorte valutazioni fatte durante la scorsa campagna elettorale, ampiamente descritte nel programma di governo presentato alla cittadinanza ed approvate nelle linee programmatiche in consiglio comunale.
«Nelle linee programmatiche – dice Bacheca – sono indicate una serie di opere ed interventi volti al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, tra questi c’è appunto inserita la nuova sede comunale. All’idea della localizzazione sul terreno dove sorge attualmente il vecchio edificio comunale di via Rucellai e della ottimizzazione dei servizi, hanno apportato il proprio contributo il consigliere delegato Dario Vergati, il vicesindaco Carlo Pisacane e l’assessore ai Lavori pubblici Raffaele Bronzolino, sensibili per il ruolo istituzionale che ricoprono insieme a tutta l’amministrazione comunale, all’attenzione per la razionalizzazione delle risorse dei cittadini».
Questa importante struttura che andrà a collocarsi nell’area di proprietà comunale, consentirà un evidente risparmio per la comunità perché sarà possibile avere un unico Municipio invece di una serie di uffici dislocati in varie sedi, non tutte di proprietà, sul territorio ottimizzando così risorse economiche ed incentivando il valore delle persone che operano nell’amministrazione. Con apposito incarico professionale conferito con una determina dirigenziale del dicembre scorso, l’architetto Salvatore Di Michele ha elaborato il progetto per lo studio di fattibilità del nuovo Municipio. Il progetto proseguirà quindi il suo naturale iter burocratico nei prossimi mesi, per mezzo del progetto preliminare e di quello  definitivo ed esecutivo, «nel quale saranno evidenziate – precisa il Sindaco Bacheca – le caratteristiche di edificio pubblico antisismico e con precisi obiettivi in termini di rendimento energetico, così come stabilito dalle direttive europee»

ULTIME NEWS