Pubblicato il

Porto, anche gli edili in stato d'agitazione

Porto, anche gli edili in stato d'agitazione

CIVITAVECCHIA – Anche i 350 operai edili impegnati nella nuova darsena del porto di Civitavecchia hanno proclamato lo stato di agitazione. La decisione è giunta all’indomani dell’assemblea di oggi con i rappresentanti di Fillea Cgil, Filca Cisl e Fenela Uil Vincenzo Cariddi, Andrea Pace e Diego Bottacchiari. Nei giorni scorsi, infatti, è stato comunicato ai lavoratori del Consorzio Dnc che non verranno prorogati i contratti a tempo determinato, in scadenza il 31 marzo. Dei 51 esuberi stimati, in 36 rimarranno fuori, mentre gli altri dovrebbero essere riassorbiti dalle due aziende in subappalto. Queste due società termineranno infatti l’intervento, con i lavori già ad un buon 75% di avanzamento. «Ed infatti – hanno spiegato i sindacalisti – la legge prevede che solo il 75% dell’intero progetto, può essere effettuato direttamente dalla società vincitrice di gara. Il restante 25% deve essere, obbligatoriamente, subappaltato». E così sindacati e lavoratori si sono riuniti in assemblea. «È stato dichiarato lo stato di agitazione – hanno aggiunto – con la sospensione di tutte le prestazioni lavorative straordinarie. Le attività si limiteranno agli orari compresi tra le 7 e le 12 e le 13 e le 16, dal lunedì al venerdì. Inoltre l’assemblea ci ha dato mandato di concordare al più presto un incontro con l’Autorità Portuale per discutere i futuri assetti industriali dell’area di sua competenza tali da garantire la piena occupazione dei lavoratori ad oggi impegnati nelle opere edili della nuova darsena».

ULTIME NEWS