Pubblicato il

Rifiuti, Galletta si difende

CIVITAVECCHIA – “Le dichiarazione del comitato Tidei, che come di consueto addossa le responsabilità di tutti i mali del mondo agli avversari della campagna elettorale, cominciano ad essere fuori luogo”. Si difende dalle accuse l’ex assessore all’Ambiente Roberta Galletta. “Capisco il nervosismo dell’armata Brancaleone che Tidei ha messo in piedi  facendo la “scarpetta” tra quello che resta della Prima e della Seconda Repubblica che ha devastato nel passato Civitavecchia e che è ormai giunta al capolinea, visto che il Movimento 5 Stelle sta  conquistando sempre più consensi elettorali, ma ricordo – ha spiegato – che sono stata sollevata dall’incarico di assessore all’ambiente dall’ex sindaco Tidei il 22 aprile 2013, poi sostituita dal suo grande sostenitore Flavio Magliani con delega all’ambiente  infine dalla povera Silvia Brusciotti, scaraventata a fare l’assessore in fretta e infuria per coprire la casella in giunta  della “giovane e donna” e indicata, come pure i muri sanno, dallo stesso Tidei, non certamente dai giovani consiglieri. La stessa Brusciotti alla quale veniva fatto dichiarare ad inizio ottobre 2013  e ad inizio novembre che mancava solo l’ok della Provincia  e che entro poche settimana sarebbe iniziata  all’avvio della raccolta differenziata. Tidei era sindaco. Ed è lui che avrebbe dovuto accelerare i tempi. Non certamente io, messa da una parte da sei mesi. Infine un inciso: la lettera con la richiesta per i l finanziamento per la raccolta differenziata porta la mia firma  ed è dei primi giorni di ottobre 2012, a neanche tre mesi dal mio insediamento in assessorato, mentre la risposta favorevole della Provincia con oltre 2 milioni di euro di finanziamento  è della metà di gennaio 2013. Segno evidente che i soldi sono ancora fermi in Provincia, spero,  da altre un anno e che  il mio lavoro finchè mi è stato “concesso” l’ho fatto in modo serio e corretto. Qualcun altro doveva proseguire il mio lavoro e non accetto di fare ancora una volta il capro espiatorio per parare le mancanze di altri, compreso chi doveva realizzare l’ecocentro, step fondamentale per l’avvio della raccolta differenziata, inaugurato dall’ex sindaco Tidei e dagli ex assessori ai lavori pubblici Mecozzi e all’ambiente, Brusciotti, solo ill 18 ottobre 2013. Io non ero più assessore da sei mesi. Di cosa stiamo parlando?”.
 

ULTIME NEWS