Pubblicato il

D'Angelo: "Vendere Hcs al privato sarebbe catastrofico"

CIVITAVECCHIA – “L’idea di vendere Hcs a un privato proveniente da fuori è folle e soprattutto rappresenterebbe l’ennesimo schiaffo nei confronti di una città che sta registrando il tasso di disoccupazione più alto di sempre”. Il candidato sindaco del centrodestra, Andrea D’Angelo, boccia senza remore la proposta lanciata da Massimiliano Grasso, durante un’intervista rilasciata a Terza Strada, di cedere la società municipalizzata. “Sarebbe un errore “catastrofico”, da dilettanti,  – spiega D’Angelo – perché mettere in cassa integrazione rappresenterebbe il primo atto  di un acquirente di una società indebitata e che ha un valore di mercato vicino allo zero. Hcs deve rimanere pubblica, dopo un’accurata riorganizzazione e, successivamente, aperta alla concorrenza esterna”. “Grasso, evidentemente, – conclude Andrea D’Angelo – è stato contagiato della sindrome che ha colto l’Autorità portuale la quale ha “regalato” la Costa Concordia a Genova e, quindi, vuole “omaggiare” qualche imprenditore con una municipalizzata civitavecchiese: sempre a discapito dell’occupazione cittadina”.

ULTIME NEWS