Pubblicato il

Al "Galilei" sale in cattedra Rotatori

CIVITAVECCHIA – Una mattinata interessante e partcolare, quella di venerdì, al Liceo Scientifico e Linguistico Galilei, che ha ospitato il professor Alessandro Rotatori, linguista specializzato in fonetica inglese ed italiana e docente di Inglese Scientifico presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. Su invito della preside Maria Zeno, ha tenuto una  conferenza sull’ “Inglese medico-scientifico: pronuncia e comprensione all’ascolto”.
Hanno partecipato all’incontro le classi 5C, 4A, 4B e 2BL, accompagnate dalle docenti Celani, Della Gatta, Befani e Pierini.
Il professore ha portato all’attenzione della platea l’importanza di una pronuncia corretta della lingua inglese in ambito non solo culturale-educativo, ma soprattutto socio-lavorativo.
La lingua inglese risulta particolarmente complessa per gli apprendenti, non solo italiani, oltre che per la peculiarità di alcuni aspetti grammaticali che la caratterizzano, anche per la presenza nel suo sistema fonologico-fonetico di molti suoni inesistenti nella lingua d’origine, spesso difficili da identificare ed articolare. La mancata corrispondenza tra grafia e pronuncia costituisce poi un ulteriore ostacolo alla corretta enunciazione di un messaggio o di un testo, con l’elevato rischio di articolazione di termini e frasi assolutamente incomprensibili  per i madrelingua.
Tale premessa è stata seguita dalla proiezione di vari esempi pratici (la certificazione medica di un paziente portatore di “PEY SMECKER”, l’ascolto di parlanti nativi in contesti noti – o presunti tali –  agli studenti ed irriconoscibili de facto dagli stessi) che  hanno suscitato, nell’ordine,  l’ilarità, la presa di coscienza e l’interesse dei partecipanti all’argomento in oggetto.
Il professor Rotatori ha quindi sottolineato come corretta pronuncia e comprensione all’ascolto siano assolutamente fondamentali in ambito medico-scientifico, dove rapidità e precisione nell’intervento possono essere vitali.
L’incontro è proseguito con la presentazione di alcuni degli aspetti della pronuncia di determinati  suoni negli standard inglese ed americano e di come gli stessi cambino a seconda della loro posizione in parole singole o in enunciati complessi, in cui l’accento di frase può oscurare o modificare suoni altrimenti riconoscibili in parola.
I ragazzi sono stati, quindi, chiamati a partecipare attivamente alla lezione, invitati a pronunciare essi stessi le parole e le frasi proiettate sullo schermo e a decifrare il significato di parole e frasi prodotte da parlanti nativi.
La lezione si è così avviata alla conclusione, con la pronuncia corale dell’espressione sullo schermo: “THANK YOU”.
Al termine della conferenza, insegnanti e studenti delle varie classi hanno manifestato apprezzamento per la lezione, congratulandosi con il professor Rotatori per la chiarezza nella presentazione di argomenti così complessi, ed auspicando il rinnovarsi di incontri sull’argomento.
 

ULTIME NEWS