Pubblicato il

Sintonia tra Grasso e i sindacati

Oggi l'incontro tra il candidato del centrodestra e le organizzazioni sindacali. I segretari: ”Favorevoli alla creazione di un tavolo di concertazione per monitorare e prevenire le crisi occupazionali”

Oggi l'incontro tra il candidato del centrodestra e le organizzazioni sindacali. I segretari: ”Favorevoli alla creazione di un tavolo di concertazione per monitorare e prevenire le crisi occupazionali”

CIVITAVECCHIA – “Di fronte ad uno stato di emergenza ormai diventato quotidiano, Amministrazione, sindacati ed enti pubblici e privati che operano sul territorio devono trovare uno strumento permanente e attivo volto ad affrontare e risolvere le problematiche occupazionali della città”. Queste le parole del candidato sindaco Massimiliano Grasso nell’incontro tenutosi insieme ai segretari delle sigle sindacali cittadine; Cgil, Cisl, Uil e Ugl.
Un tavolo di concertazione che non dovrà limitarsi solo allo stato di emergenza, ma dovrà “analizzare e monitorare costantemente la situazionale occupazionale ed economica della città” prosegue Massimiliano Grasso “riuscendo così a prevenire ogni situazione di crisi, trovandosi pronti ad affrontarla”.
Molti i temi affrontati nell’ambito occupazionale, in particolare le municipalizzate e Tirreno Power. Il candidato Sindaco ha precisato inoltre che “sull’argomento Torrevaldaliga sud sono state fatte molte strumentalizzazioni come avviene nelle più classiche delle campagne elettorali” . “Il punto” specifica, “non è chiudere Tirreno Power senza alcuna prospettiva, visto che è stata la stessa azienda ad aver annunciato un piano per 191 esuberi nei quali vi rientra anche Civitavecchia, ma è che si tratta di un impianto sotto utilizzato e di un’azienda che non ha intenzione di investire”. “In queste circostanze” prosegue, “si genera una situazione dannosa sia per i lavoratori che per tutta la città”. Massimiliano Grasso specifica: “Invece di attendere con inerzia i 130 esuberi potenziali in Tirreno Power, dovremmo cercare di pilotare l’evoluzione della vertenza cercando di far riassorbire gli addetti di Tvs in Enel come da accordi stipulati nel 2003”. “Soluzione” aggiunge “che darebbe respiro alle aziende metalmeccaniche locali con la demolizione e la bonifica del sito”.
Ulteriori delucidazioni, arrivano anche sul tema delle municipalizzate ed in particolare Hcs: “Il biglietto da visita di ogni città è lo stato di efficienza gestionale dei suoi servizi pubblici”. “Il Comune” aggiunge il candidato Sindaco “ha dimostrato di non essere in grado nell’adempiere a questi compiti, offrendo servizi di scarsa qualità a costi altissimi per tutti i cittadini”. “Non ho mai parlato di privatizzazione” specifica, “ma di aziende aperte alla partecipazione di privati che possano garantire l’efficienza gestionale, con patti parasociali chiari, attraverso i quali – insieme ai contratti di servizio – il Comune possa ottenere le necessarie garanzie di controllo e di salvaguardia dei posti di lavoro”. “Mantenere il 100% della proprietà in mano al Comune significherebbe il dissesto, visto l’obbligo, dal prossimo anno, di consolidare nei bilanci degli enti locali perdite e costi delle partecipate interamente inhouse”.
Pieno consenso da parte dei sindacati sulla sinergia tra attori del territorio e l’instaurazione di un tavolo occupazionale: “C’è bisogno di una task force e di concordare insieme le nuove idee per lo sviluppo e la ripresa economica” ha dichiarato il segretario generale della Cgil di Civitavecchia Cesare Caiazza, “siamo disponibili a qualsiasi tipo di confronto trovando soluzioni condivise”.
“Favorevoli a lavorare in tavoli unitari” dichiara per l’Ugl di Civitavecchia il responsabile confederale Fabiana Attig: “Dobbiamo portare in città una nuova cultura politica rimodulando il piano industriale, economico ed ambientale”. Consensi anche da parte della Uil e del suo responsabile confederale Giancarlo Turchetti: “Ci troviamo in una città con molte potenzialità mal sviluppate”. “Inoltre” prosegue, “la nuova Amministrazione dovrà affrontare complicate vertenze attualmente in corso, proprio per questo occorre progettualità e collaborazione”.
“Le buone intenzioni per una sana collaborazione ci sono tutte” ha dichiarato Paolo Sagarriga Visconti, responsabile territoriale Cisl di Civitavecchia: “Ci auguriamo che la nuova Amministrazione quando dovesse servire sappia usare anche il pugno duro per non cedere ai particolarismi come avvenuto in passato”.
 

ULTIME NEWS