Pubblicato il

Bacheca: "Per il centrodestra un risultato di tutto rispetto"

GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Non si è ancora spenta la eco della clamorosa affermazione del Pd in Italia e a Santa Marinella tanto che il Sindaco Roberto Bacheca e il consigliere comunale Piero Vincenzi intervengono per dire la loro sulle elezioni europee e sul voto relativo alle amministrative di Civitavecchia. “Rinnovo il mio ringraziamento agli elettori di centrodestra – afferma Bacheca – che hanno scelto di sostenere i nostri candidati alle elezioni europee, permettendoci di raggiungere un buonissimo traguardo. Credo che la vittoria del Partito Democratico a Santa Marinella sia dovuta più a fattori nazionali che locali, come si evince anche dai dati sulle preferenze. Tuttavia, l’insieme dei partiti di centrodestra sono molto vicini allo stesso Pd, per cui mi sembra che il risultato raggiunto, nonostante la scarsa affluenza alle urne, sia di tutto rispetto”. “Relativamente al voto di Civitavecchia – aggiunge il sindaco – il mio saluto va ai candidati ed ai rappresentanti che ci hanno messo la faccia, in particolar modo a Massimiliano Grasso e Andrea D’Angelo, che sarebbero stati due ottimi sindaci per Civitavecchia, ma per colpa di una dirigenza miope a livello sovracomunale di tutti i partiti del centrodestra, si sono trovati a dover combattere questa battaglia divisi, mentre uniti, dati alla mano, avrebbero raggiunto oltre il 30% dei consensi arrivando loro al ballottaggio. Invece ci tocca assistere ad uno spettacolo deprimente in una delle città più importanti del Lazio. Poco mi consola l’ottimo risultato raggiunto da Alessandro Battilocchio, supportato da tutti noi, per avere una rappresentanza territoriale in Europa. Nei fatti, rimane il sapore amaro per aver permesso il macello elettorale di decine e decine di candidati qualificati al consiglio comunale”. “Credo sia giunto il momento di ricostruire serenamente il centrodestra locale, regionale e nazionale – conclude Bacheca – con un coinvolgimento diretto dei rappresentanti del territorio per mettere all’angolo tutti quegli esponenti che hanno effettuato fin d’ora scelte sbagliate per le quali, politicamente, non credo che pagheranno pegno. Servono regole, contenuti e persone in grado di portarci fuori da questa apatia che si riscontra nell’alveo dei moderati, senza più diatribe e stupide imposizioni fatte da chi il territorio non lo conosce e per i quali paghiamo in termini di risultati gli errori commessi”. Toni trionfalistici invece per il consigliere Piero Vincenzi che alle Europee ha sostenuto Gasbarra che in città ha ottenuto 450 preferenze. “E’ un risultato storico – dice Vincenzi – grazie al lavoro fatto da Matteo Renzi a livello nazionale e da Nicola Zingaretti nel Lazio. Il governatore della Regione, infatti, riconoscendo l’importanza del nostro territorio per quel che riguarda la cultura e il turismo, ha fatto una cosa che da dieci anni nessuno aveva mai fatto e cioè ha aperto al pubblico il castello di Santa Severa, riconoscendo al Comitato per il Castello una funzione importante per la gestione del maniero. Quindi credo che gli elettori hanno premiato queste scelte. Dopo trenta anni di disinteresse di tutte le amministrazioni regionali, quella di Zingaretti invece sta facendo cose importanti. Non mi sorprendo quindi se tutti i candidati del centro sinistra abbiano ottenuto risultati oltre le aspettative. Questo è un forte riconoscimento a chi ha fatto cose concreto sul territorio e la gente premia chi le cose le fa e non certo chi le dice e poi non fa nulla”.
Importante anche che il pd cittadino sia diventato il primo partito dopo anni di dominio di centro destra.

ULTIME NEWS