Pubblicato il

Voto, tra conteggi e delusioni

Voto, tra conteggi e delusioni

Minuzioso lavoro di verifica delle schede, Grasso pronto a ricorrere al Tar contro l’annullamento di numerose preferenze

CIVITAVECCHIA – Tutta la notte non è bastata per fare il punto sul risultato elettorale. Tanto che questa mattina, il dato relativo alle amministrative 2014, è apparso ancora parziale.
Un’altra giornata di lavoro, quindi, per la macchina elettorale, nel tentativo di far quadrare i conti intorno a quei verbali dei presidenti di seggio, i cui contenuti sono apparsi discordanti rispetto alle preferenze assegnate ai vari candidati.
A fare la voce grossa sono stati i sostenitori di Massimiliano Grasso (che insieme ad Antonio Cozzolino del M5S, per diverse ora si è trovato in bilico per il ballottaggio). Proprio loro hanno messo i puntini sulle i riguardo a numerose schede assegnate, per le quali è stato chiesto l’accesso agli atti. In un seggio un grillino e un sostenitore di Grasso, a quanto pare avrebbero fatto mettere a verbale l’apertura di un’urna contro ogni regola e in tempi diversi rispetto allo spoglio.
Questa sera risultavano da rivedere ancora tre sezioni, mentre i voti recuperati da Grasso in un primo conteggio con il magistrato incaricato, sarebbero sei. Che non sono certamente pochi, dal momento in cui Cozzolino potrebbe andare a sfidare Tidei al ballottaggio per 45 voti, che ora potrebbero diventare 39.
Ma c’è dell’altro. Secondo indiscrezioni, in numerose sezioni al Movimento 5 Stelle sarebbero state assegnate diverse schede recanti il nome Cozzolino. Particolare che ha indotto Grasso (che ha tra i suoi candidati Niky Cozzolino) a decidere di ricorrere al Tar.
Se ciò dovesse accadere, con molta probabilità la macchina elettorale non verrebbe fermata.
Esiste però il rischio concreto che il ballottaggio dell’8 giugno possa ripetersi a distanza di qualche mese.
 

ULTIME NEWS