Pubblicato il

Elia Ambrosetti, spiragli positivi

Elia Ambrosetti, spiragli positivi

Nuovo incontro a Roma tra i vertici della società ed i rappresentanti sindacali: c’è la volontà di garantire un futuro. Intanto va avanti da 40 giorni il presidio degli operai della Servizi Integrati

CIVITAVECCHIA – Un incontro che lascia aperto almeno uno spiraglio positivo, quello di questa mattina a Roma, tra Cgil e Cisl, a tutti i livelli, ed Elia Ambrosetti, la società che si occupa di movimentazione delle auto, presente in città dagli anni ’90 e che nelle scorse settimane ha deciso di chiudere lo stabilimento in zona industriale a causa di una crisi del settore che ha fatto perdere diverse commesse. Dei 28 lavoratori, 18 sono quelli diretti della società stessa e altri 10 della Servizi Integrati, società che da agosto dello scorso anno ha gestito in appalto il parcheggio delle auto. Questa mattina si è parlato soltanto di dipendenti della società, in realtà soltanto degli ultimi 8, visto che i rimanenti sono stati già ricollocati. «Si tratta di tre impiegati e tre operai – ha spiegato la segretaria della Filt Cgil Donatella Bruno – per i quali abbiamo richiesto una procedura di ‘‘accompagnamento’’ che non li tenga fuori da una possibile ed auspicata ripresa del lavoro. E abbiamo registrato la volontà proprio delle parti di percorrere questa strada e non escludere dal circuito lavoratorivo questi dipendenti». Intanto, dopo 40 giorni, è ancora in piedi il presidio dei lavoratori della Servizi Integrati. «Stiamo avendo delle riunioni informali, le soluzioni ci sono – ha aggiunto Bruno – ma non è ancora stato trovato un accordo». La speranza è che si possa trovare al più presto una soluzione per questi lavoratori. 

ULTIME NEWS