Pubblicato il

Subito un vertice con Tirreno Power

Subito un vertice con Tirreno Power

È l’impegno assunto dal sindaco Antonio Cozzolino nel corso dell’incontro con i sindacati. Amministrazione pronta a convocare anche Enel ed Authority. Prosegue la protesta degli operai di Tvs

CIVITAVECCHIA – Subito la convocazione della dirigenza di Tirreno Power, già domani o al massimo giovedì, e poi il coinvolgimento anche di Enel e dell’Autorità Portuale. È questo l’impegno preso dal sindaco Antonio Cozzolino che al Pincio ha incontrato i rappresentanti sindacali in merito alla vertenza Torre Sud. Con lui anche il consigliere regionale Devid Porrello ed il deputato Marta Grande, a dimostrazione della volontà di discutere della vicenda a tutti i livelli. «Siamo pronti – ha sottolineato il primo cittadino – i sostenere i sindacati nel percorso per la risoluzione di una vertenza che va ad inserirsi in un quadro già difficile per quanto riguarda l’occupazione sul nostro territorio». Dopo aver incontrato per oltre un’ora i sindacati all’aula Cutuli, sindaco e parti sociali sono scesi all’aula Pucci dove, ad attenderli, c’erano i lavoratori della centrale di Torrevaldaliga Sud, preoccupati per il proprio futuro. «Siamo soddisfatti di questa presa di posizione da parte dell’amministrazione comunale – hanno spiegato – per ora è un rimo passo importante». Lavoratori che si sono portati al Pincio dopo una ‘‘passeggiata’’ cittadina: sotto il Comune hanno esposto cartelli e bandiere, per mostrare tutto il loro disappunto contro i tagli disposti dall’azienda. Tagli nella misura del 60% dell’attuale forza lavoro della centrale, senza dimenticare quello che è l’indotto, a partire dalla mensa. «Quello presentato da Tirreno Power – ha sottolineato il segretario della Cgil Cesare Caiazza a nome di tutti i sindacati presenti – non è un piano industriale ma una vera e propria macelleria sociale. Per questo va rigettato a tutti i costi. Non va perso neanche un posto di lavoro, soprattutto in un territorio dove oltre mille posti sono a rischio. Abbiamo chiesto al sindaco un’assunzione di responsabilità e abbiamo ottenuto una risposta positiva: bene a convocazione dei vertici di Tirreno Power, ma subito va aperto anche un tavolo con Enel. Perché una cosa è certa: basta con l’usa e getta in questo territorio». E con Enel Cozzolino ha già in mente di aprire un discorso incentrato sulla revisione dell’Aia, sull’abbassamento delle emissioni «e su un nuovo modo di essere presente sul territorio». Intanto non si ferma la protesta dei lavoratori. Oggi nuova giornata di sciopero della fame al cantiere, con le iniziative di protesta che verranno definite di giorno in giorno dagli stessi operai.

ULTIME NEWS