Pubblicato il

"Basta con le soluzioni ad personam"

Il vicesindaco Daniela Lucernoni: "I servizi sociali opereranno in modo equo" 

Il vicesindaco Daniela Lucernoni: "I servizi sociali opereranno in modo equo" 

CIVITAVECCHIA – “Fin dall’insediamento, ogni mattina ricevo cittadini che mi sottopongono gravi questioni personali, che vorrebbero risolvere “con l’interessamento del Sindaco”. Le cariche politiche dovrebbero offrire ciò che il comune ha nelle sue disponibilità e che i servizi municipali operano in base a regolamenti e budget prestabiliti. La pratica secondo la quale il Sindaco risolve i problemi “ad personam” non è percorribile e non appartiene al Movimento Cinque Stelle”. Lo chiarisce il vicesindaco ed assessori alle Politiche sociali e famiglia Daniela Lucernoni che ha voluto evidenziare le condizioni in cui è costretto a lavorare il personale dei servizi sociali. “Tutte le operatrici – ha spiegato – lavorano instancabilmente in ambienti inadeguati ed in carenza di organico, anche oltre l’orario di lavoro previsto, affrontando con grande professionalità le diverse criticità cui, inevitabilmente, il loro profilo le espone ogni giorno. Posso garantire che il lavoro delle assistenti sociali è svolto con imparzialità, legalità, etica professionale e nel rispetto dell’individuo e del suo stato di bisogno”. Lucernoni si dice poi convinta di come “la corretta gestione dei reclami e dei suggerimenti sia un’azione basilare nell’operato di un’amministrazione, migliorando il servizio – ha aggiunto – alla luce delle considerazioni provenienti dall’utenza, predisponendo rimedi ed azioni correttive e preventive ed elevando di conseguenza il livello di soddisfazione e di consenso. Stiamo al proposito organizzando uno sportello di accoglienza/orientamento che guidi l’utenza al giusto interlocutore all’interno dell’amministrazione comunale, per offrire un punto di ascolto efficace. Questo non si tradurrà in un trattamento privilegiato in favore di qualcuno, ma il servizio sarà strutturato in modo tale da garantire parità di accesso ai servizi che l’Amministrazione sarà in grado di offrire nel rispetto della persona e delle norme vigenti”.
 

ULTIME NEWS