Pubblicato il

Molestie sessuali: negati i domiciliari al 61enne

Rimane in carcere il capo scout sulla base della decisione assunta dal gip Giovanni Giorgianni. L’uomo è stato arrestato dalla Polizia di frontiera il 4 giugno dopo accurate indagini

Rimane in carcere il capo scout sulla base della decisione assunta dal gip Giovanni Giorgianni. L’uomo è stato arrestato dalla Polizia di frontiera il 4 giugno dopo accurate indagini

CIVITAVECCHIA – Rigettata la richiesta degli arresti domiciliari per il capo scout, arrestato dalla Polizia di Frontiera con l’accusa di molestie sessuali su delle minorenni. Il gip Giovanni Giorgianni ha respinto la richiesta dell’avvocato Antonio Maria Carlevaro che difende l’uomo, ritenendo insufficienti i motivi esposti per consentire al 61enne di lasciare il carcere di Borgata Aurelia. La difesa, nella sua strategia, ha tentato prevalentemente di stabilire una presunzione di innocenza, presupposto del quale evidentemente in questa fase il giudice ha ritenuto di non avere conto.   E non è escluso che l’avvocato difensore del 61enne possa decidere di andare avanti sulla stessa linea, di fronte a un altro giudice, puntando sui domiciliari per il suo assistito. E si dichiara innocente l’uomo che la Polizia di frontiera il 4 giugno ha tratto in arresto nel corso di un’accurata indagine.
 

ULTIME NEWS