Pubblicato il

Mercato: Pd e Lista Tidei a gamba tesa sulle soluzioni dell'amministrazione Cozzolino

CIVITAVECCHIA - Dure parole da parte dei membri dell'opposizione: "Proposte idee contrarie alle volontà degli operatori e dannose per la categoria. Spieghino dove sono finiti i 300.000 euro di risorse comunali visto che il Comune sta pagando le rate del mutuo".

CIVITAVECCHIA - Dure parole da parte dei membri dell'opposizione: "Proposte idee contrarie alle volontà degli operatori e dannose per la categoria. Spieghino dove sono finiti i 300.000 euro di risorse comunali visto che il Comune sta pagando le rate del mutuo".

CIVITAVECCHIA – Lungo comunicato e non certo tenero nei contenuti quello arrivato alle redazioni a firma del gruppo Pd e Lista Tidei sulle soluzioni proposte per il mercato dall’amministrazione Cozzolino.

“A nemmeno 30 giorni dall’insediamento Cozzolino ha illustrato la sua ricetta per risolvere gli ultimi problemi che affliggono gli operatori mercatali – affermano i 5 consiglieri comunali – mantenendo proprio la promessa fatta in campagna elettorale “ascolteremo tutti gli operatori ed insieme a loro risolveremo i problemi per la riapertura di tutto il mercato”.

Bene, è stato di parola. Infatti ha talmente compreso appieno quali siano i problemi degli operatori che gli ha spiattellato proprio le soluzioni contrarie e più dannose  per la categoria. Innanzitutto, non quella chiudere le edicole intorno all’ittico, bensì mantenere la sola tettoia a copertura. Si documenti Cozzolino, perché  se questa è la soluzione magica nessun operatore potrà mai trasferirsi in detti luoghi, poiché le norme igieniche – sanitarie impongono che formaggi, carni, oppure prodotti scatolati in genere siano contenuti in ambienti chiusi. Inoltre già la precedente amministrazione aveva affrontato e risolto il problema dialogando con la Sovraintendenza con incontri coordinati e diretti dall’allora sindaco Tidei e trovando la soluzione definitiva sulla chiusura dei box con tanto di progetto. Non solo, ma si erano perfezionati gli atti tecnici amministrativi per appaltare le opere, trovando 300.000 € di risorse comunali proprio per venire incontro alle esigenze sia dei commerciati ortofrutticoli che alimentari. Ci spieghi Cozzolino che fine hanno fatto allora quei soldi? Visto che il Comune ne sta pagando le rate del mutuo a carico di tutta la collettività. Ma ci spieghi soprattutto come giustificherà alla Corte dei Conti il mancato utilizzo di un mutuo della Cassa deposi e prestiti impegnato su di un’opera pubblica e non utilizzato. Ci spieghi Cozzolino, visto che ha fatto del risparmio economico la sua bandiera elettorale, perché quel finanziamento che produce passività economiche sulle già esigue casse comunali, non sia stato devoluto o impegnato per risolvere i tanti problemi che affliggono tutta la categoria degli ambulanti a sede fissa.

Ancor più pregnante, della sola demagogia sbandierata in campagna elettorale, è la soluzione proposta dal sindaco pentastellato per risolvere i problemi degli operatori della palmetta: spostare tutti su piazza del Conservatorio ed avviare, così, i lavori di Piazza Regina Margherita. L’ignoranza dei problemi e delle procedure supportata da soli proclami producono dei danni irreparabili. Innanzitutto il Sindaco non sa o finge di non sapere, visto che è anche ingegnere, che da uno studio di delocalizzazione, già effettuato dalla precedente amministrazione Tidei, risulta che tutti gli ambulanti non troveranno spazio su piazza del Conservatorio, tanto a causa dell’attuale superficie media occupata che è di 70 – 80 mq ad ambulante e quanto dalla presenza di servitù carrabili di accesso.

La piazza, in aggiunta, non sarebbe sufficiente a garantire vie di fuga e di accesso se non attraverso un progetto esecutivo organico, attualmente non nella disponibilità di Cozzolino e che richiederebbe tempo per la sua realizzazione ed approvazione. Inoltre piazza Regina Margherita è nelle condizioni del 2009 (Giunta Moscherini), pertanto non è previsto alcuno stallo per i banchi ed è priva di  servizi essenziali quali colonnine di elettrificazione o prese idriche. Non solo, ma il progetto che si vuole avviare è privo di qualsiasi copertura fissa sulla piazza, cosa che è stata sempre osteggiata dagli operatori, i quali  si vedrebbero esposti a soluzioni estemporanee , non organiche, realizzate a proprie spese, come tende mobili, ombrelloni, ecc.

In ultimo, consigliamo a Cozzolino di leggere tutti i verbali delle varie conferenze dei servizi e scoprirà che il progetto esecutivo è ancora mancante delle progettazioni tecniche ed impiantistiche richieste a suo tempo alla ditta e colmare queste carenze esporrebbe sicuramente la collettività ad un ulteriore esborso di denaro da aggiungersi al finanziamento regionale.

Infine il Sindaco dimentica altri 80 ambulanti circa dislocati lungo le strade del mercato ed attualmente sulla trincea ferroviaria ai quali non ha dato alcuna risposta.

In conclusione il Sindaco, invece di sbandierare presunte concertazioni con gli operatori mercatali tra l’altro smentite in concreto dalle soluzioni prospettate a loro sfavorevoli, dovrebbe avere l’umiltà di approfondire tutte le problematiche poste dagli stessi commercianti, anziché prospettare frettolose soluzioni inattuabili e che appesantirebbero economicamente le già magre risorse comunali”.

ULTIME NEWS