Pubblicato il

Archeologia subacquea, si parla di cave semi sommerse lungo il litorale civitavecchiese

TARQUINIA – Dopo il successo dei primi due incontri del ciclo di conferenze di archeologia subacquea promosse dalla S.T.A.S., venerdì 25 luglio alle ore 21.00, sarà la volta di Massimo Sonno, subacqueo che da molti anni collabora con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale in recuperi e segnalazioni, e con le università, in particolare con la cattedra di Topografia antica dell’Università degli Studi della Tuscia. Nella conferenza Cave semi-sommerse lungo il litorale civitavecchiese, verrà affrontato il tema della presenza lungo la costa di cave, oggi sommerse a causa dell’innalzamento del livello del mare, usate nel periodo etrusco e romano per l’estrazione della “scaglia”, utilizzata per la costruzione di tombe, cinte murarie, ville suburbane, moli portuali, e ne viene anche documentato il trasporto via mare in base alla localizzazione di alcuni relitti. L’appuntamento è come al solito in Piazzale Europa all’interno della Lizza della “Torre di Dante” e in caso di maltempo nella sede sociale di Palazzo dei Priori. Grazie ancora alla Provincia di Viterbo,all’Università Agraria di Tarquinia e alla collaborazione del Comune di Tarquinia, l’AEOPC di Tarquinia, il Museo Civico di Santa Marinella “Museo del Mare e della Navigazione Antica” e la A.S.D. Asso Paguro di Montalto di Castro.

ULTIME NEWS