Pubblicato il

Comitati di quartiere, il regolamento va all'approvazione online

CIVITAVECCHIA – “Il regolamento dei comitati di quartiere, già interamente redatto, è in fase conclusiva di analisi all’interno della maggioranza e, prima della sua definitiva approvazione, si provvederà a sottoporlo all’opinione dei cittadini, tramite consultazione on line sul sito istituzionale del Comune”. La conferma arriva dall’amministrazione comunale che ha deciso di ricorrere al metodo tanto caro ai cinque stelle, anche per questo tipo di iniziative. L’occasione per intervenire sul regolamento è stata data dall’intervento dell’esponente del Nuovo centrodestra Simona Galizia che aveva invitato l’amministrazione ad accelerare sulla questione e che proprio ieri aveva protocollato (n 52389 del 21/07/2014) il regolamento dei comitati di quartiere, con tanto di studi preliminari di valutazione, redatto dal Centro di Sviluppo Politico e Sociale (CSPS), “studi di cui mi sono avvalsa – ha spiegato Galizia – data l’esperienza maturata dall’associazione durante la passata amministrazione, proprio nel contesto del regolamento dei comitati di quartiere locali. Abbiamo il diritto ed il dovere di proporre soluzioni e di criticare in modo costruttivo le soluzioni proposte dal gruppo-maggioranza. Parlo di gruppo perché è questo che la città sente dire in giro: un gruppo di persone si riunisce quando il Sindaco deve prendere una decisione. Sembrano tutti sintomi di una estrema debolezza, direi di una qualche forma di paura. In realtà il mio è un appello alla tranquillità. La verità è che i problemi ci sono eccome, soprattutto organizzativi. Per questo mi sono presa l’onere di inviare al Sindaco il regolamento pronto e che sarà da subito disponibile online anche sui social network, in modo tale da poter essere consultabile da tutta la cittadinanza. Questo intervento, che punta ad anticipare i tempi dettati dall’amministrazione, risiede nel fatto che oramai tale regolamento è diventato strettamente necessario e la cittadinanza tutta non può più aspettare, nonostante le problematiche cittadine siano molte e alcune ben più impellenti. Spero che l’amministrazione possa prendere in considerazione questo regolamento (lasciandolo il più possibile fedele all’originale) mostrandosi responsabile e oggettivamente critica rispetto le esigenze dei quartieri e di chi voglia rappresentare nel migliore dei modi il posto in cui vive la quotidianità. Questo sicuramente è un esempio di opposizione sana e costruttiva”. L’amministrazione quindi, pur ringraziando la Galizia per il contributo, assicura di essere già a buon punto sul tema.

 

ULTIME NEWS