Pubblicato il

Hcs, si dimettono i liquidatori

Hcs, si dimettono i liquidatori

Il 30 luglio convocata l’assemblea della società per la sostituzione di Moscati e Iovino. Il primo cittadino ha chiesto la loro disponibilità a lasciare subito l’incarico

CIVITAVECCHIA – I liquidatori di Hcs hanno rassegnato le loro dimissioni. La notizia non è ancora ufficiale, ma l’ordine del giorno dell’assemblea dei soci della Holding Civitavecchia Servizi srl, convocata per il prossimo 30 luglio, è fin troppo chiaro: l’unico punto in discussione riguarda infatti le dimissioni dei liquidatori. Nessuna dichiarazione da parte del professor Enrico Moscati e del commercialista Mauro Iovino, che correttamente vogliono attendere la convocazione dell’assemblea, che è la sede deputata per formalizzare una decisione che certo non arriva come un fulmine a ciel sereno. Evidentemente Moscati e Iovino hanno dato la loro disponibilità a lasciare l’incarico al sindaco Cozzolino, che a sua volta nei giorni scorsi pare che abbia chiesto le dimissioni dei due ‘‘timonieri’’ che la giunta Tidei aveva messo alla guida di una barca che in meno di due anni è comunque passata, con una cura da cavallo, dal perdere 13 milioni l’anno ad un sostanziale equilibrio gestionale (la perdita del 2013 è stata ridotta a circa 173mila euro ed è dovuta solo ad un accantonamento per la Tia straordinaria), con l’ipotesi di concordato, bocciata in prima istanza dal Tribunale, che a ottobre sarà definitivamente giudicata per conoscere il futuro della società, nel frattempo oggetto del piano di trasferimento di asset e personale messo a punto dal commissario prefettizio Santoriello e ora messo in stand-by dalla nuova giunta pentastellata.

ULTIME NEWS