Pubblicato il

Salario accessorio, la CISL proclama lo stato di agitazione

CIVITAVECCHIA - "Chiediamo un urgentissimo incontro con il sindaco Cozzolino"

CIVITAVECCHIA - "Chiediamo un urgentissimo incontro con il sindaco Cozzolino"

CIVITAVECCHIA – Ancora polemiche sulla mancata erogazione del salario accessorio al dipendenti del Comune di Civitavecchia. Stavolta ad inviare una nota è la CISL FP di Roma Capitale e Rieti:

“La CISL intende segnalare le gravi problematiche che oramai da parecchi mesi affronta il personale del Comune di Civitavecchia, che stanno creando fra i dipendenti molta confusione ed incertezza, in quanto, nel corso del tempo, i lavoratori hanno trovato nelle loro buste paga ritardi nella liquidazione degli emolumenti.
Infatti, solo recentemente é stato sottoscritto l’accordo con le rappresentanze sindacali circa la ripartizione del fondo del salario accessorio del 2013, che come conseguenza ha fatto si che ad aprile di quest’anno non é stata erogata la produttività collettiva riferita all’anno 2013.
Nel mese di maggio 2014 non è stato erogato il bonus relativo alla detrazione IRPEF di cui al D.L. 60/14 (Euro 80,00 cosi detto Decreto Renzi) e nel mese di giugno 2014 l’Amministrazione ha ritenuto di realizzare una rateizzazione del bonus in comode rate di poco più di Euro 13 mensili, soluzione, a nostra conoscenza, mai attivata in nessun altro ente e che distorce lo spirito della norma.
Infine, nel corrente mese non è stato erogato né il salarlo accessorio e né il rimborso IRPEF ai dipendenti. Tale situazione, a parere della scrivente, è inaccettabile e la soluzione é divenuta improcrastinabile da parte di codesta Amministrazione.
Pertanto, alla luce di quanto sopra, la CISL FP Roma Capitale e Rieti proclama lo Stato di Agitazione di tutto il personale del Comune di Civitavecchia e chiede al Sindaco un Suo autorevole intervento al fine di risolvere nell’immediato le pesanti problematiche che incidono gravemente sugli stipendi martoriati dei lavoratori e che gettano nello sconforto i dipendenti che con il loro spirito di sacrificio ed abnegazione, nonostante le gravi carenze di organico, continuano ad erogare i servizi ai cittadini mantenendoli a livelli invariati.
Inoltre si chiede un urgentissimo incontro, da estendere anche alle altre rappresentanze sindacali, nel guaio venga sottoscritto l’accordo per la ripartizione del salarlo accessorio 2013 e vengano sancite le date dei pagamenti dl tutti oli emolumenti che ad oggi non sono stati erogati al dipendenti, in caso contrario, nostro malgrado, saranno attivate tutte le procedure sindacali, compreso il tentativo dl conciliazione al Prefetto ed eventualmente lo sciopero del personale, nonché tutte le iniziative legali con richieste risarcitone a carico dei responsabili.
Si resta in attesa di sollecito riscontro e di celere convocazione”.

ULTIME NEWS