Pubblicato il

"Cupinoro, no all'ampliamento"

"Cupinoro, no all'ampliamento"

I sindaci del comprensorio alzano la voce

I sindaci di Cerveteri e Ladispoli, in rappresentanza anche dei Sindaci di Tolfa e Santa Marinella, hanno ribadito la propria contrarietà all’ampliamento della discarica di Cupinoro e, contestualmente, hanno richiesto che siano assicurate le risorse necessarie per la bonifica del sito. Inoltre, è stata richiesta l’apertura di un confronto immediato tra la Regione Lazio e tutti i Comuni del comprensorio per l’individuazione della tecnologia degli impianti di gestione e per la loro localizzazione. È questo, in sintesi, il contenuto del documento presentato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dai Sindaci Alessio Pascucci (Cerveteri) e Crescenzo  Paliotta (Ladispoli) nel corso di un incontro tenutosi venerdì scorso. L’incontro era stato richiesto con una lettera formale inoltrata dal Sindaco di Cerveteri a seguito della decisione presa nel corso del Consiglio comunale aperto dell’8 Luglio scorso.

“È importante sottolineare come la pianificazione dell’impiantistica ambientale – hanno detto i sindaci Paliotta e Pascucci – abbia forti ripercussioni sulla salute e sulla qualità della vita dei cittadini e sul territorio stesso. Un territorio che ha un enorme pregio ambientale ed è sede di un sito Unesco”.

“Da sempre – hanno denunciato i Sindaci – abbiamo subìto le conseguenze negative della presenza della discarica di Cupinoro. Una discarica che solo formalmente è situata nel Comune di Bracciano poiché sorge al confine con Cerveteri e Anguillara Sabazia e si trova più vicina alle abitazioni di questi Comuni. Non solo, la viabilità percorsa quotidianamente dai mezzi interessati al conferimento si abbatte per oltre il 90% sulla nostra rete stradale. E nonostante tutti  questi disagi, i nostri Comuni non sono mai stati coinvolti in nessun tipo di decisione riguardante Cupinoro”.   

“Tra i Comuni a nord di Roma – hanno detto i due Sindaci – portiamo avanti da mesi un tavolo di confronto su temi ambientali in cui è stata confermata la volontà di proseguire nelle politiche di differenziazione dei rifiuti. Contestualmente è emersa la necessità di realizzare nel nostro comprensorio degli impianti ad elevata tecnologia e a bassissimo impatto per lo smaltimento dei rifiuti, che consentano di chiudere il ciclo dei rifiuti in modo virtuoso. Questo ci permetterebbe di evitare lunghi ed inquinanti via-vai di camion e di abbattere i costi di conferimento”.

“È indispensabile – hanno concluso i sindaci Crescenzo Paliotta e Alessio Pascucci –  che si apra un confronto immediato tra Regione e Comuni del comprensorio per arrivare a decisioni condivise che riguardano il nostro territorio e la nostra salute”.
 

ULTIME NEWS