Pubblicato il

Pronta a tornare in acqua la "Madonna del mare"

Pronta a tornare in acqua la "Madonna del mare"

CIVITAVECCHIA – È pronta a tornare in acqua la statua della Madonna del Mare, dedicata a tutti i marinai e subacquei civitavecchiesi che proprio in mare hanno perso la loro vita. E lo farà i primi di settembre. Tutto grazie al prezioso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia e a tutti i civitavecchiesi che si sono rimboccati le maniche, a cominciare proprio dall’associazione Surf Casting che, viste le condizioni della statua (a cui erano state mozzate le mani, probabilmente da un’ancora), ha deciso di riportarla a nuova vita, grazie alla collaborazione di rimorchiatori, ormeggiatori, sommozzatori, della Capitaneria di Porto che ha guidato le operazioni e grazie all’impegno di Giulio Venturini che ha ristrutturato la statua. Ora tutto è pronta per restituirla al mare: “Anche in quell’occasione – ha spiegato Andrea Pierfederici, presidente dell’associazione Surf Casting – avremo la collaborazione di ormeggiatori, rimorchiatori e della Capitaneria di Porto. La ricollocazione della statua è stata resa possibile, proprio come le opere di sollevamento e di ristrutturazione, grazie al contributo della Fondazione Cariciv. Saranno invitati a prender parte all’evento che si svolgerà i primi di settembre (probabilmente martedì 2 settembre, condizioni meteo marine permettendo, ndc) i rappresentanti delle istituzioni civili e militari, tutti i civitavecchiesi che lo desiderano, e i marinai con le loro imbarcazioni”. Soddisfatto l’avvocato Claudio Arcadi della Fondazione Cariciv che ha sottolineato i vari aspetti che all’opera si legano: da quello religioso a quello umano “perché la statua è legata alla memoria di tutti i civitavecchiesi morti in mare”, e anche turistico “perché come spiegato anche dai rappresentanti dell’associazione Surf Casting, in molti chiedono di poter visitare le meraviglie nascoste nei nostri mari”. Inoltre, il presidente dell’associazione Surf Casting ha anche sottolineato l’importante collaborazione che, in questa occasione, si è creata con l’università della Tuscia e in particolare con il corso di biologia marina presente a Civitavecchia: “Stiamo brevettando infatti – ha concluso Pierfederici – i ragazzi dell’università che peraltro saranno presenti alla manifestazione di ricollocazione della statua”.

ULTIME NEWS