Pubblicato il

Gli operatori si affidano agli avvocati

Gli operatori si affidano agli avvocati

Mercato. I commercianti San Lorenzo contrari al trasferimento imposto nuovamente dal Pincio danno mandatoai legali di presentare una memoria. Segue le due istanze di sospensione in autotutela della delibera 50

CIVITAVECCHIA – Si sono affidati agli avvocati Leonardo Roscioni e Gianluca Marra gli operatori di San Lorenzo ancora nei box sulla trincea. Dopo le lettere di sgombero, entro dieci giorni dei locali, infatti, sono ancora più decisi ad andare avanti, manifestando le proprie ragioni e contestando uno spostamento che, a loro dire, non è supportato da un adeguato progetto di riaccorpamento dell’intero mercato. Un trasferimento, insomma, senza certezze. «In questi giorni, come scritto sulla lettera – hanno spiegato i legali – invieremo una memoria al Comune, ripercorrendo in parte anche le motivazioni che hanno portato alla presentazione già di due istanze di sospensione, in autotutela, della delibera 50 del commissario Santoriello». Delibera relativa al trasferimento degli operatori, con le istanze presentate sia allo stesso commissario che, il 31 luglio scorso, alla nuova amministrazione. Entrambe senza risposta. Inoltre, tra un’istanza e l’altra, si è svolto anche il sopralluogo della Asl la cui relazione, che metteva in risalto diverse criticità nella nuova struttura San Lorenzo, sarà allegata proprio alla memoria difensiva. Considerato che di lavori, nel frattempo, non ne sono stati fatti per risolvere i problemi. «Se a questo si aggiunge anche la denuncia del degrado della tensostruttura alla palmetta – hanno aggiunto – e l’area ancora di cantiere al mercato ittico, si capisce il no degli operatori a trasferirsi». Operatori pronti ad andare avanti a tutti i costi, a tutela dei propri interessi. 

ULTIME NEWS