Pubblicato il

Santa Marinella, blitz della Polizia locale nei negozi di ortofrutta

SANTA MARINELLA – La Polizia Locale da tempo è a caccia degli operatori commerciali che non rispettano le regole. E’ consuetudine, infatti, che anche nella stagione estiva, alcuni negozianti mettano in mostra la merce all’esterno del proprio locale senza osservare le norme relative all’igiene. E’ facile quindi trovare negozi che espongono frutta, verdura e altri prodotti deteriorabili che stazionano per ore nelle cassette e nei contenitori ma esposti all’acqua o al sole e privi dei presidi igienici necessari per legge. Così ieri mattina, su ordine della Procura della Repubblica di Civitavecchia, il Comandante Kety Marinangeli e i suoi uomini coadiuvati dai funzionari della Asl di Civitavecchia, hanno effettuato una serie di operazioni  congiunte che hanno portato alla denuncia penale dei proprietari del negozio ortofrutticolo sito lungo la Statale Aurelia a fianco del distributore di benzina e al sequestro della merce esposta di un altro negozio della città. Dopo il blitz di quattro mesi fa nello stesso deposito di frutta, quindi, i Vigili Urbani si sono di nuovo recati nel negozio gestito da un gruppo di egiziani accertando, in base alla recente sentenza della Corte di Cassazione che recita che la merce alimentare non può essere esposta ad agenti inquinanti e posizionata in prossimità di passaggi veicolari ad alta frequentazione, che avevano frutta e verdura non protetta e alla mercè del sole. Per questi motivi, hanno di nuovo sanzionato i titolari dell’esercizio commerciale, sequestrando la merce. Non è stato facile però per gli agenti della Polizia Locale portare via i prodotti posti sotto sequestro perché gli stranieri (tutti in regola con i permessi di soggiorno e con le licenze di vendita) hanno iniziato a inveire contro il medico della Asl e gli stessi vigili minacciandoli di ritorsioni. Vista la mal parata il Comandante Kety Marinangeli ha chiesto l’intervento di una volante del Commissariato di Civitavecchia che ha riportato a più miti consigli i gestori del negozio. Già in passato, agli stessi commercianti, erano stati notificati diversi verbali, in particolare per mancanza di autorizzazioni all’utilizzo del suolo pubblico. “Insieme all’Azienda Sanitaria Locale e all’Ufficio Ambiente – dice il Capitano Kety Marinangeli – siamo di nuovo intervenuti su disposizione della Procura della Repubblica. La merce sequestrata sarà ora distrutta dalla Gesam, la società che ha in gestione la raccolta e il trasporto in discarica dei rifiuti solidi urbani, che ringrazio per la collaborazione prestata”. Sulla questione è intervenuto anche il sindaco Roberto Bacheca che ha commentato l’operazione condotta dalla Polizia Locale, dalla Asl e dal Commissariato. “Le mie personali congratulazioni al Comandante Marinangeli e gli operatori della Azienda Sanitaria Locale per questo importante intervento di tutela nei confronti dei cittadini e degli operatori commerciali di Santa Marinella – commenta il primo cittadino – che dimostra l’attenzione e la presenza delle forze di Polizia per il controllo del territorio”.

ULTIME NEWS