Pubblicato il

Una delibera consiliare per dire no alla città metropolitana

Una delibera consiliare per dire no alla città metropolitana

Floccari conferma la stesura del documento e bacchetta il Pd. Secca replica del consigliere Stella

CIVITAVECCHIA – È in corso di stesura una delibera consiliare per sancire definitivamente la volontà dell’amministrazione comunale di non aderire alla Città Metropolitana di Roma. Lo ha confermato il consigliere di maggioranza Fulvio Floccari a margine della prima riunione della commissione speciale “nel corso della quale – ha spiegato – si è assistito ad un dialogo proficuo tra i membri della maggioranza (Bagnano, Brizi, Floccari, La Rosa, Menditto) ed una parte dell’opposizione, rappresentata dal consigliere Daniele Perello. Entrambe le parti hanno rappresentato piena volontà di ascoltare le tantissime voci convenute al Consiglio Comunale aperto del 4 agosto e la copiosa raccolta di firme ancora in corso”. E Floccari parla del gruppo del Pd come di una “compagine isolata ed indisponibile al dialogo, rappresentata dalla sola consigliera Stella, che ha preteso – ha sottolineato – la sospensione della seduta in attesa che fosse fornita ai Commissari una copia delle Legge Del Rio, salvo poi protestare quando la seduta è stata aggiornata al pomeriggio dello stesso giorno, ossia il tempo strettamente necessario a confezionare le copie del dispositivo). Evidentemente il Pd sta dando ampia dimostrazione di voler difendere a tutti i costi la presenza di Civitavecchia all’interno della città metropolitana di Roma, rallentando i lavori della Commissione con richieste strumentali, che danno per scontato che gli stessi Commissari si approccino alla discussione senza aver neanche letto la Legge”
“È quindi questa – si chiede infine Floccari – l’opposizione costruttiva che gli uomini del partito di Renzi avevano annunciato in sede di insediamento del Consiglio Comunale?”.
Immediata la secca replica del consigliere di minoranza Paola Rita Stella, a cui non è piaciuta “la lezioncina sull’ area metropolitana quando forse non sa nemmeno di cosa stiamo parlando. La sua – ha spiegato Stella – è una presa di posizione rozza e strumentale che cerca di scaricare su altri le contraddizioni tutte interne al Movimento 5 Stelle. Ma anche falsa perché dice cose non vere rispetto ai lavori della commissione speciale  che fra l’ altro ancora non ha avuto modo di discutere nel merito la questione per cui è stata votata dal consiglio comunale. Nessun atteggiamento ostruzionistico ma soltanto la richiesta di mettere a disposizione dei Commissari tutta la documentazione legislativa al fine di poter dare ai cittadini una corretta e chiara informazione”. Secondo il consigliere del Pd Floccari e tutto il Movimento 5 stelle si sarebbero arroccati sulle loro posizioni, senza voler discutere dell’argomento. “Si annuncia la stesura di una delibera consiliare per sancire definitivamente la volontà dell’ Amministrazione di non aderire all’ area metropolitana – ha aggiunto Stella – svuotando di fatto le funzioni del consiglio comunale. Fra l’ altro su un problema importante che andrà ad incidere profondamente sul futuro economico e sociale della città si vuole decidere semplicemente con un no senza fra l’altro spiegarne le ragioni. Dimenticando anche che con le modifiche apportate alla legge Del Rio al Senato per uscire dall’ area metropolitana bisogna seguire quanto previsto dall’art. 133 della Costituzione con una delibera regionale e successiva decisione del consiglio dei Ministri. La correttezza istituzionale presupponeva un altro percorso e cioè che la commissione a conclusione dei lavori doveva riferire al consiglio comunale che poi dovrà decidere. Al di là di quanto sostiene Floccari mi auguro che nella prossima riunione della commissione convocata per lunedì prossimo ognuno possa portare il proprio contributo e garantire una corretta informazione nei confronti dei cittadini come dal gruppo Pd già richiesto in consiglio comunale. Quello che sostiene Floccari è invece un atto di arroganza politica ed un affronto alla democrazia. Relativamente all’accusa che il Pd vuole difendere a tutti i costi la presenza di Civitavecchia nell’area metropolitana si è vero perché lo facciamo nell’ interesse della città e del suo futuro. Il Sindaco, la Giunta e la maggioranza hanno il diritto di assumere le decisioni che credono di assumere ma lo devono fare nel rispetto della legge e della libera circolazione delle idee. Chiedo al Sindaco ed al Presidente del Consiglio Comunale di esercitare quel ruolo di garanzia per la partecipazione democratica ed il rispetto delle opposizioni”.

 

ULTIME NEWS