Pubblicato il

Cgil, Cisl e Uil: "Lavoro, un autunno caldo"

CIVITAVECCHIA – Condividere un urgente “momento di confronto” tra Autorità Portuale, Amministrazione comunale di Civitavecchia e Cgil, Cisl e Uil per definire una “scala di priorità” rispetto a possibili ricollocazioni di quanti, nell’ultimo periodo, hanno perso il lavoro. Questa la richiesta dei sindacati, al centro del confronto di questa mattina con l’Authority, nell’ambito della riunione del Tavolo Permanente sull’occupazione: riunione nel corso della quale sono state affrontate diverse questioni, a partire anche dai progetti di implementazioni delle attività nel porto, che dovrebbero determinare un’importante ricaduta occupazionale. Cgil, Cisl e Uil hanno quindi inviato una lettera anche al sindaco Cozzolino con la quale si sollecita un ruolo attivo dell’amministrazione comunale, per quanto di propria competenza. «Abbiamo ricordato l’urgenza – hanno spiegato i sindacati – di riprendere un fattivo confronto finalizzato a definire soluzioni condivise per il risanamento, il rilancio e la riqualificazione delle municipalizzate, partendo dalla salvaguardia dell’occupazione in essere e dal mantenimento del carattere pubblico dei servizi. Di definire un “osservatorio locale” capace di monitorare e, possibilmente risolvere, le tante situazioni di crisi connesse al lavoro presenti nel territorio, di convocare rapidamente il “Tavolo Permanente per il Lavoro, lo Sviluppo, l’Ambiente e la Salute” nel quale esaminare le proposte per la ripresa economica e lo sviluppo, contenute nella Piattaforma Territoriale presentata da tempo». Nell’incontro di questa mattina in porto, inoltre, “abbiamo registrato l’assicurazione da parte dell’Autorità Portuale – hanno concluso Cgil, Cisl e Uil -fermo restando il cronoprogramma che dovrà essere presentato dalle imprese, dello sblocco dei lavori edili all’interno del Porto di Civitavecchia”.

ULTIME NEWS