Pubblicato il

Tari, cifre da lacrime e sangue

SANTA MARINELLA. La tassa sui rifiuti urbani è lievitata di circa il 100% rispetto al 2012. Il consigliere d’opposizione Andrea Bianchi: «Eccessivo per un servizio scadente e inefficiente»

SANTA MARINELLA. La tassa sui rifiuti urbani è lievitata di circa il 100% rispetto al 2012. Il consigliere d’opposizione Andrea Bianchi: «Eccessivo per un servizio scadente e inefficiente»

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Com’era previsto, gli uffici comunali stanno inviando in questi giorni migliaia di cartelle della Tari, la tassa sui rifiuti urbani, che rispetto al 2012 è lievitata di circa il 100%. Rispetto al 2013, comunque, il balzello ha subito una decurtazione, quella consentita dal risparmio ottenuto nello scorso anno dal Comune per un minor conferimento in discarica dei rifiuti indifferenziati. «Sono comunque cifre da lacrime e sangue – dice il consigliere comunale Andrea Bianchi – per una tassa che va a coprire per intero un servizio che è scadente e inefficiente. La raccolta differenziata è solo uno dei numerosi fallimenti che questa amministrazione ha messo in campo. La spazzatura straborda in ogni dove, abbiamo accumulato orribili figuracce nei confronti di alcune città confinanti le quali, stufe dell’inerzia della giunta Bacheca, hanno fatto sentire la loro voce invitandoci a sorvegliare per evitare che i territori vicini diventassero discariche a cielo aperto, l’ultimo in ordine di tempo è stato il Sindaco di Tolfa Landi. Anche quest’anno abbiamo assistito all’ennesima estate a dir poco scandalosa, gli stessi quadretti architettonici di spazzatura hanno fatto mostra di loro per residenti, falsi residenti, turisti e passanti in una cornice a dir poco triste. Il Comune, in pesantissima difficoltà, ha cercato di rimediare, ma ha fatto come quella massaia che pulisce a terra e nasconde la sporcizia sotto il tappeto. Ha cercato di pulire l’Aurelia, trascurando le vie interne, abbandonando i quartieri, dimenticandosi delle colline ormai ridotte a un vero e proprio letamaio». «Il responsabile della differenziata – continua Bianchi – si guarda bene dall’ammettere il totale fallimento della sua azione, mentre i cittadini continuano a pagare bollette stratosferiche. Questo servizio avrebbe dovuto far si che, con il concorso dei cittadini virtuosi, si sarebbe dovuto pagare di meno e invece le cartelle arrivate in questi giorni sono mazzate storiche che pesano sulle già esigue finanze dei residenti. Mentre l’amministrazione si riempie la bocca di buoni propositi, la realtà è sempre più drammatica ed emergenziale. L’indifferenziato ci costa un occhio della testa perché ne paghiamo lo smaltimento, in quel di Santa Severa lo sanno bene visto che proprio là si accumulano montagne di indifferenziato a causa del fatto che, a distanza di tre anni dall’entrata in funzione del servizio, non si è stati capaci di renderlo operativo anche nella frazione con il risultato che gli effetti positivi di una parte di cittadini vengono annullati dallo scarso senso civico dei villeggianti che frequentano Santa Severa. Eppure ci sono tante telecamere fissate su quei siti, perché non vengono utilizzate per punire i trasgressori? Il Pd di Santa Marinella e Santa Severa è seriamente preoccupato per quest’andazzo – conclude il consigliere – pur continuando l’attività politica con determinazione e voglia di cambiamento, non si può fare a meno di interrogarsi con stupore su come si possa essere così inconcludenti. Perché non salvano la faccia e con un gesto di dignità riconsegnano il mandato nelle mani dei cittadini dimettendosi?»

ULTIME NEWS