Pubblicato il

Si affaccia una nuova emergenza rifiuti

Si affaccia una nuova emergenza rifiuti

In funzione un solo compattatore: i cassonetti traboccano ormai in tutta la città

CIVITAVECCHIA – Un solo compattatore in funzione per il ritiro dei rifiuti, con i lavoratori di Città Pulita che stanno cercando di fare il massimo per evitare che la città sprofondi in una vera e propria emergenza. I cassonetti sono già pieni in moltissime zone: Casaletto Rosso è abbandonato, San Gordiano, il faro e il centro traboccano di sporcizia. Insieme all’unico compattatore ci sono anche i daily utilizzati per la differenziata, ma a questo punto, domani, Civitavecchia potrebbe svegliarsi davvero con una vera e propria emergenza rifiuti. Intanto, i lavoratori sono ancora in attesa di risposte da parte dell’amministrazione comunale e gli animi iniziano ad essere tesi all’interno della sot. Manca poco meno di un mese alla decisione della Corte d’Appello di Roma sul concordato preventivo bocciato dal giudice fallimentare di Civitavecchia ma da parte del Pincio, tutto tace. Non sarebbe riuscito a dare risposte concrete e soluzioni realizzabili nel breve tempo possibile, nemmeno il nuovo liquidatore di Città Pulita, Carlo Micchi. Anche lui, appena arrivato, starebbe studiando la carte. Durante l’incontro avuto con i lavoratori di Città Pulita, il neo liquidatore avrebbe parlato della volontà, già annunciata qualche tempo fa, di estendere il porta a porta a tutta la città – un’iniziativa non realizzabile nell’immediato e per la quale rischia di trascorrere ancora molto tempo – e di andare a sostituire i mezzi a disposizione della sot, ormai vetusti, con dei mezzi in affitto che porterebbero, secondo l’amministrazione, ad un risparmio notevole. Infatti, affittando i mezzi, principalmente dei daily (vista la volontà di avviare la raccolta differenziata) nei costi sarebbe compresa la manutenzione e la loro sostituzione immediata in caso di guasto.

ULTIME NEWS