Pubblicato il

Uiltrasporti: "Subito la ripresa dei lavori al porto"

CIVITAVECCHIA – “L’opera va completata al più presto, pena una forte riduzione delle attività nel porto con conseguenze immaginabili”. Questo quanto auspica la Uiltrasporti che esprime piena solidarietà ai lavoratori edili in stato di agitazione permanente per il mancato riavvio delle attività all’interno del cantiere della nuova darsena, al centro dell’inchiesta della magistratura. “Certo che è anche interesse dell’Autorità Portuale, che ricordiamo si è dichiarata parte lesa nella vicenda del sequestro del cantiere da parte della magistratura, che l’opera venga completata presto e bene – ha sottolineato il segretario Gennaro Gallo – il presidente Monti ci ha fatto comunicare che in questa settimana i lavori al cantiere sarebbere ripresi. Ci piace pensare che sicuramente riprenderanno nel giro di qualche giorno, anche perchè, ad oggi, il presidente Monti, non ci ha mai raccontato favole. Però qualcosa non quadra se le notizie che vengono veicolate e non smentite sono quelle riportate sulla stampa cittadina che parlano di blocco dei lavori per mancanza di fondi. Aspettiamo i fatti e le smentite, in caso contrario siamo pronti a scendere in lotta, perchè siamo parte lesa, come lavoratori ed operatori portuali”. Gallo si dice ormai convinto che la crisi che ha investito l’Italia ed il mondo non ha risparmiato Civitavecchia e le attività portuali. “Però – ha aggiunto – è un dato di fatto che con la presidenza Monti siamo riusciti a contenere gli effetti negativi e tutelare l’occupazione nel porto. Anche per questo, come altri operatori portuali  hanno già detto, riteniamo infausta l’ipotesi ventilata di un avvicendamento presso l’Autorità Portuale di Napoli del presidente Monti, che consideriamo una risorsa al momento insostituibile per gli interessi del network laziale e del territorio e per questo, per quanto è nelle nostre possibilità, chiederemo che tale operazione non avvenga. Il presidente Monti deve poter completare l’opera iniziata di consolidamento e rilancio delle attività del Porto e per questo occorre prolungare il suo mandato all’Autorità Portuale di Civitavecchia/Fiumicina e Gaeta”.
 

ULTIME NEWS