Pubblicato il

Nuova tegola per Tiziano Cerasa

Nuova tegola per Tiziano Cerasa

L’ex presidente del consiglio comunale all’epoca Saladini accusato anche di favoreggiamento della prostituzione. Deve già rispondere di malversazione ai danni dello Stato e riciclaggio. Gli avvocati Mereu e Di Chirico: «Attendiamo l’interrogatorio di giovedì prima di ogni dichiarazione»

CIVITAVECCHIA – Nuova tegola per Tiziano Cerasa, l’ex presidente del consiglio comunale all’epoca della giunta Saladini accusato di malversazione ai danni dello Stato e riciclaggio. La Procura ha infatti ipotizzato un altro reato: quello cioè di favoreggiamento della prostituzione. Il tutto sarebbe legato ad una intercettazione telefonica relativa ad alcune ragazze dipendenti di una società di servizi di Ladispoli, riferita allo stesso Cerasa. Con l’accusa che parlerebbe di scambi in favore di appalti. Un aspetto dell’inchiesta su cui, al momento, vige il massimo riserbo. La magistratura ha però chiesto un interrogatorio, al quale Cerasa si sottoporrà giovedì mattina, davanti al sostituto procuratore Lorenzo Del Giudice. «Per la nuovo imputazione – hanno commentato gli avvocati difensori Lorenzo Mereu e Giuseppe Di Chirico – rimandiamo ogni dichiarazione a dopo l’interrogatorio, fiduciosi che il nostro assistito riuscirà a chiarire anche questo aspetto della vicenda». Intanto gli stessi avvocati presenteranno a breve ricorso in Cassazione contro il provvedimento del Tribunale del Riesame «convinti – hanno aggiunto – di avere motivi affinché la tesi difensiva portata avanti sin dal primo momento possa trovare accoglimento in quella sede». 

ULTIME NEWS