Pubblicato il

"Arsenico, mancano i documenti del comune di Tarquinia"

CIVITAVECCHIA – Dopo le preoccupazioni e l’allarme lanciato dai residenti e dal Forum Ambientalista, anche il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle Devid Porrello conferma i problemi legati alla realizzazione del dearsenificatore. “Se da un lato va segnalato che la pratica è paralizzata negli uffici della Direzione Regionale Ambiente e Territorio, dall’altro va ricordato che questo stop è causa del mancato invio di alcuni documenti da parte del comune di Tarquinia – ha spiegato Porrello – faremo tutto quello che rientra nelle nostre competenze e nelle nostre prerogative per sbloccare la pratica, anche attraverso i nostri eletti sul territorio, perché il diritto a bere acqua pubblica e non dannosa per la salute non può essere limitato dalla burocrazia. L’area compresa tra i comuni di Civitavecchia e Tarquinia da tempo combatte contro il problema dell’arsenico nell’acqua e le sue conseguenze per la potabilità, battaglia che potrebbe essere vinta grazie all’impianto di dearsenificazione in progetto nel territorio tarquiniese e ancora non messo in atto per problemi burocratici”.

ULTIME NEWS