Pubblicato il

«Il Pd ha lasciato alla città problemi irrisolti»

Il sindaco Roberto Bacheca replica alle dichiarazioni di Carletti. «Nonostante il fondo di solidarietà imposto da Renzi,  noi stiamo investendo per il futuro»

Il sindaco Roberto Bacheca replica alle dichiarazioni di Carletti. «Nonostante il fondo di solidarietà imposto da Renzi,  noi stiamo investendo per il futuro»

S. MARINELLA – Nei giorni scorsi il segretario cittadino del Pd Aldo Carletti attaccava il sindaco perché, sulla questione della nuova piazza comunale, dichiarava che era la ciliegina sulla torta di una serie di progetti che stavano andando in porto. Carletti infatti consigliava al primo cittadino di evitare trionfalismi in quanto i progetti non erano frutto della sua amministrazione ma quelli delle precedenti. «Caro Carletti – risponde Bacheca – sono anni che lei e il suo partito dite le stesse identiche cose con risultati scarsi che puntualmente bocciano le vostre teorie all’interno delle urne elettorali. Quando avrete una classe dirigente in grado di parlare e discutere di problemi in maniera concreta, e dubito che questo avvenga in breve tempo, allora ne riparleremo, poiché per quel poco tempo che vi è stato consentito di amministrare, avete lasciato questa città con problemi irrisolti. Abito in questa città e la giro in lungo e in largo praticamente tutti i giorni per cui sono a conoscenza dei problemi da risolvere così come Carletti dovrebbe essere a conoscenza che il suo amato Governo Renzi ha imposto ai comuni virtuosi di contribuire attraverso uno speciale fondo di solidarietà. Lo scorso anno abbiamo versato quasi tre milioni di euro nelle casse dello Stato, quest’anno ne dovremmo versare addirittura cinque. Nonostante questo prelievo forzoso che sarebbe senza dubbio stato utile per affrontare e risolvere numerose problematiche legate alle infrastrutture ed al decoro, l’amministrazione comunale non ha aumentato di un centesimo le imposte locali a differenza di quasi tutti i comuni del comprensorio lasciando la Tasi al minimo ed addirittura esentando gli esercizi commerciali dal pagarla». «Tuttavia – continua il sindaco – stiamo mantenendo i servizi essenziali, i conti in ordine e investendo per il futuro. Già avviato in questi giorni il programma di asfaltatura delle strade comunali che proseguirà fino ai primi mesi del 2015, stanziato la somma di 70mila euro per opere di riqualificazione dell’arredo urbano e quasi concluso l’iter progettuale che porterà questa città, dopo 65 anni, ad avere finalmente una piazza. Per quanto riguarda la biblioteca, Carletti sa che se il suo amato Renzi non modifica la legge 163, in caso di fallimento di una ditta che è scelta da una commissione tecnica e non politica, il Comune è obbligato a trovare tra le altre una società disponibile a concludere i lavori». (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS