Pubblicato il

COMITATO RIFIUTI ZERO. «La riapertura di Cupinoro è una scelta politica»

FIUMICINO – Cupinoro, il Comitato rifiuti zero di Fiumicino torna a protestare contro la riapertura della discarica. «L’8 agosto – dicono dal Comitato – il Cdm che doveva decidere sul ricorso alla presidenza della Repubblica della Bracciano Ambiente contro il parere negativo del Mibact sul rinnovo dell’Aia per la discarica di Cupinoro, ha dato ragione alla Società, primo caso in Italia in cui il governo boccia l’istanza di un ministero (quindi di se stesso). Il testo della delibera del Consiglio dei Ministri non entra mai nel merito delle questioni tecnico-ambientali, non prende nemmeno in considerazione l’attività della magistratura sulla questione dei fondi post-mortem, si limita ad un copia ed incolla, peraltro senza una logica, di passate dichiarazioni degli enti coinvolti». «Di fatto i numeri non tornano – aggiungono dal Comitato – e dai numeri bisognerebbe ulteriormente stornare percentuali di rifiuti probabilmente raccolti in modo differenziato ma smaltiti come indifferenziato. Nulla sugli usi civici, sulla Zps, sui fondi post-mortem, sul bilancio disastrato della Società, sulle richieste dei cittadini, su un piano straordinario di sostegno ai comuni del bacino per portare rapidamente a regime la raccolta differenziata porta a porta. Solo una semplice rampogna politica al Mibact utile ad avvallare le richieste della società, del Comune di Bracciano, della filiera politica locale-regionale monocolore»

ULTIME NEWS