Pubblicato il

Lavori su strade e marciapiedi, dubbi sull'affidamento

CIVITAVECCHIA – Dubbi posti dai consiglieri di centrosinistra Mirko Mecozzi, Rita Stella e Pietro Tidei in merito all’avviso pubblico emanato dal Comune per la raccolta delle manifestazioni d’interesse per l’affidamento di un cottimo fiduciario dei lavori relativi a rappezzamento per la messa in sicurezza delle strade comunali e marciapiedi. Tra i requisiti necessari di partecipazione alla procedura è stata posta la clausola che le ditte non abbiano assunti incarichi similari per il Comune di Civitavecchia nel biennio 2013/2014.
“Nel corso della riunione della commissione consiliare Lavori pubblici di ieri – hanno spiegato – abbiamo posto il problema, giudicando questa clausola decisamente vessatoria nei confronti della gran parte delle imprese locali”.
In particolare i consiglieri Stella e Mecozzi hanno chiesto delucidazioni in merito all’assessore Pantanelli “in quanto l’amministrazione – hanno sottolineato — non può prescindere dalla applicazione di principi volti ad assicurare imparzialità e trasparenza nelle operazioni di gara. Non consentire la partecipazione a ditte che hanno avuto incarichi dal Comune nel biennio 2013/2014 è una forma di discriminazione dissimulata che l’amministrazione non può adottare. Il Comune deve invece procedere con aggiudicazioni all’offerta maggiormente vantaggiosa senza che il giudizio comparativo sia inficiato dalla precedente esperienza maturata dall’impresa aggiudicataria con la stazione appaltante”. L’assessore Pantanelli ha recepito quanto posto dai componenti e si è riservato una risposta in merito.
Intanto anche il consigliere della Svolta Daniele Perello critica la clausola che, «non facendo affatto riferimento a cifre – ha spiegato – porterà a trasformare Civitavecchia in terra di conquista per imprese di fuori. Presenterò una mozione affinché gli affidamenti diretti, sotto i 40 mila euro, siano dati solo ad imprese locali, ritirando intanto il principio di rotazione».
 

ULTIME NEWS