Pubblicato il

Biblioteca: convocate le ditte

Entro dieci giorni arriverà una risposta certa sui lavori. L’assessore Bronzolino deciso a risolvere il problema 

Entro dieci giorni arriverà una risposta certa sui lavori. L’assessore Bronzolino deciso a risolvere il problema 

S. MARINELLA – Così come aveva promesso due settimane fa in merito alla risoluzione del problema relativo alla biblioteca comunale, l’assessore Raffaele Bronzolino ha convocato ieri l’altro i titolari delle tre ditte che avevano partecipato alla gara di appalto per la ristrutturazione della palazzina che ospita la raccolta dei libri. Due di loro hanno rinunciato, mentre il terzo, proveniente da Viterbo, ha preso visione del cantiere, dei disegni e dei computi metrici ed entro dieci giorni darà una risposta. Ovviamente qualora l’impresa dovesse dire sì i lavori inizierebbero subito, in caso contrario verrà indetta una nuova gara d’appalto. Sulla vicenda le minoranze avevano presentato una interrogazione tacciando la giunta Bacheca di mantenere una condotta inerte su questa vicenda. Le responsabilità degli esponenti di maggioranza però sono da considerare alquanto limitate perché nessuno pensava che la ditta che aveva vinto la gara e che iniziò i lavori nel lontano 2012, dopo aver impiantato tutti gli infissi in alluminio e le vetrate e quindi concludere le rifiniture esterne e collocare la scalinata per finire le opere andasse fallita. L’assessore quindi chiamò in causa la seconda ditta in graduatoria anch’essa fallita e la terza attualmente in liquidazione. «Ecco perché ho chiamato le restanti tre imprese – dice Bronzolino – due hanno rifiutato, mentre la terza si è detta interessata a fare i lavori. Hanno visionato il cantiere e la documentazione e tra pochi giorni ci daranno una risposta». Mancano infatti da realizzare opere per 150mila euro in un progetto che  prevede che il piano terra diventi il front office della struttura, con un’ampia sala di circa 90 metri quadrati che sarà utilizzata anche come sala convegni e dove continueranno a svolgersi le sedute del consiglio comunale. Il primo piano ospiterà un’altra ampia sezione bibliotecaria per lo studio e la lettura e sarà inoltre recuperata e messa in sicurezza anche la copertura dell’edificio, la quale potrà essere utilizzata per conferenze esterne e la presentazione di libri. I tre piani saranno collegati da un’unica scalinata e da un ascensore. Il costo dell’opera è di 600mila euro di cui 490 finanziati dalla Provincia di Roma. I lavori di ristrutturazione prevedono, tra l’altro, anche l’installazione di pannelli fotovoltaici utilizzabili sia per il consumo di energia elettrica, sia per l’acqua calda dei servizi  igienici.

ULTIME NEWS