Pubblicato il

«Troppe sostanze inquinanti nell’aria»

ALLUMIERE. Il dottor Mauro Mocci interviene nel dibattito sugli alti livelli di ozono

ALLUMIERE. Il dottor Mauro Mocci interviene nel dibattito sugli alti livelli di ozono

ALLUMIERE – «Sul discorso dello sforamento di ozono ad Allumiere troppi errori grossolani imperdonabili nelle risposte di chi è chiamato a vigilare sulla salute dei propri cittadini». E’ così che risponde il dottor Mauro Mocci medico ambientalista e responsabile del Registro dei Tumori della Asl in merito alle risposte del sindaco di Allumiere. «Abbiamo due tipi di ozono: quello nella stratosfera il cui assottigliamento è dovuto ad agenti inquinanti che è ben diverso da quello nella troposfera che si forma in basso e che è una sostanza che si forma dall’ossigeno per un processo di fotosensibilizzazione e quindi diventa O3 in concomitanza con agenti inquinanti; l’ozono non viene da nessuno ed è normale che non esce dalla centrale di Tvn, ma lo si deve all’ossido di azoto che è una delle maggiori fonti di inquinamento della centrale, delle navi, del traffico – prosegue Mocci – quindi se c’è uno sforamento di ozono è perchè ci sono troppe sostanze inquinanti nell’aria. Non stiamo qui a trovare il colpevole unico, ma bisogna agire affinchè nella totalità si agisca per diminuire le sostanze che possano far aumentare l’ozono. In questo comprensorio ci sono troppe fonti inquinanti e quindi si stanno accumulando all’eccesso questi precursori dell’aumento dell’ozono». Mocci poi spiega che le centraline che misurano il pm 2.5 e l’ozono sono solo 2 e quindi esorta l’Osservatorio a mettere poche centrlaine ma qualificate; misurare solo il pm 10 non è più rispondente». Mocci poi invita tutti i sindaci «A rendere noto lo sforamento di ozono per far prendere a tutti i cittadini le necessarie precauzioni. Bambini, donne in stato di gravidanza, persone con probelmi respiratori e con sindromi asmatiche, cardiopatici, persone che fanno sport devono evitare di fare movimento nelle ore più calde perchè l’ozono aumenta col calore». Per quanto riguarda ogni singolo cittadino «L’impegno deve essere quello di camminare di più, lasciare ferme un pò di più le auto, usare il mini eolico e il fotovoltaico, evitare al massimo le combustioni, fumare di meno».
Rom. Mos. 

ULTIME NEWS