Pubblicato il

Centro trasfusionale, ricorso al Tar

Centro trasfusionale, ricorso al Tar

Presentato oggi dall'amministrazione comunale di Civitavecchia

CIVITAVECCHIA – Il Comune di Civitavecchia ha presentato il ricorso al Tar contro la riconversione del centro trasfusionale dell’ospedale San Paolo. “Tale iniziativa legale è stata curata dall’Avvocatura Comunale – hanno spiegato dall’amministrazione comunale – senza alcun aggravio di costi per le casse comunali, a tutela della salute della cittadinanza, minacciata dalla ristrutturazione della rete trasfusionale regionale, che ha imposto alla città la dipendenza H24 dal Centro Trasfusionale del San Filippo di Roma, con un percorso di oltre 170 km, tra andata e ritorno, ad ogni richiesta di emoderivati. La decisione di avviare il ricorso è stata presa nonostante sembra ormai quasi certo che l’iniziativa congiunta della Asl RmF e del Comune di Civitavecchia, volta a garantire la funzionalità del Centro Trasfusionale con tecnici emotrasfusionisti della Asl e la vigilanza “in remoto” da parte degli ematologi del San Filippo Neri di Roma, stia ricevendo la definitiva approvazione – hanno aggiunto – da parte della Regione. Se l’Amministrazione Zingaretti non dovesse autorizzare questo innovativo modello gestionale, troverà un ricorso al Tar comunque presentato entro i termini di Legge. L’Amministrazione Comunale difenderà ad oltranza il diritto alla salute della cittadinanza e dei territori limitrofi, opponendosi ai tagli con capacità propositiva e dimostrando che si può rendere più sostenibile il Sistema Sanitario Regionale attraverso la razionalizzazione e non solo attraverso i tagli.

ULTIME NEWS