Pubblicato il

Emergenza casa, animi di nuovo caldi

Emergenza casa, animi di nuovo caldi

CIVITAVECCHIA – «Se non si troverà una soluzione saremo costretti a riprendere il presidio, ci sentiamo presi in giro dall’amministrazione comunale che con le sue false promesse è riuscita nel suo unico obiettivo, quello di far interrompere la protesta, ma della famiglia, e del fatto che da stanotte saranno di nuovo nella roulotte, non importa nulla né al sindaco né a nessun altro».
Torna ad intervenire così il Movimento Ottimo Consiglio sulla questione legata alla famiglia rimasta senza casa, per la quale, dopo una lunga protesta, l’amministrazione comunale si è detta disponibile a cercare una soluzione.
«La famiglia ha dovuto fare necessariamente ritorno alla sua roulotte – prosegue il Movimento – dagli uffici comunali infatti, era stato garantito che entro martedì scorso sarebbe stato trovato un alloggio, ma purtroppo questo non è avvenuto. Il sindaco e il vicesindaco, contattati dalla famiglia e da alcuni esponenti del Movimento Ottimo Consiglio, non hanno saputo dare risposte».
A dire il vero a noi qualche risposta sulla questione il sindaco Antonio Cozzolino l’ha data: «Gli uffici comunali stanno lavorando per predisporre i necessari atti – spiega – la nostra intenzione è quella di consentire a quella famiglia di disporre di un alloggio a spese del Comune per un periodo di tempo di sei mesi. Sei mesi di ‘‘avviamento’’ – aggiunge – che i diretti interessati utilizzeranno per diventare autonomi e andare avanti con le loro forze».
Altri casi legati all’emergenza abitativa a Civitavecchia aspettano ancora che qualcuno prospetti delle soluzioni.

ULTIME NEWS