Pubblicato il

"Inconcepibile non avere l'Oncologia al San Paolo"

"Inconcepibile non avere l'Oncologia al San Paolo"

CIVITAVECCHIA – Senza un vero reparto di oncologia non si va avanti. Lo hanno sottolineato il sindaco Antonio Cozzolino ed il consigliere Fulvio Floccari, tornando sulla bocciatura unanime del piano aziendale della RmF da parte dei sindaci del territorio. Perché passa proprio dall’assenza di una struttura del genere anche nel piano illustrato dal direttore generale Giuseppe Quintavalle la contrarietà; oltre ad un mancato potenziamento del pronto soccorso rimasto indietro di anni, nonostante l’aumento del flusso turistico, il depotenziamento consistente di Bracciano, l’eventuale arrivo di nuovi immigrati. «In questo territorio – ha spiegato Cozzolino – manca un servizio sanitario decente: e siamo ancora più preoccupati se questa carenza venga anche strutturata in un piano». Tanto che da un lato è aperta la trattativa con la Asl per cercare di modificare il documento, «affinché – ha aggiunto Floccari – l’amministrazione delle risorse avvenga in efficienza: ad esempio si può pensare di distogliere i finanziamenti per una delle due nuove dipartimentali di radiologia per Oncologia. È inconcepibile, in un territorio con un’alta percentuale di mortalità per tumore, non avere un reparto strutturato, ma solo un servizio sotto la Medicina». Senza un’inversione di rotta soprattutto su questo punto difficilmente si approverà l’atto alla prossima conferenza del 4 novembre. Dall’altro si sollecita la Regione a dare risposte concrete: il Comune sta elaborando un documento da condividere poi con gli altri sindaci e presentare a Zingaretti. Tanti dubbi anche sulla pediatria, «non citata nell’atto aziendale e senza una reale alternativa – hanno aggiunto Cozzolino e Floccari – e poca chiarezza sulla chirurgia vascolare dislocata al San Giovanni di Roma. Per non parlare del pronto soccorso del San Paolo che, con questi tagli, dovrebbe servire da ‘‘cuscinetto’’ ma non può farlo in queste condizioni».

ULTIME NEWS