Pubblicato il

Miceli incontra gli studenti dell'IIS Viale Adige

CIVITAVECCHIA – “C’è un motivo per cui seguiamo Matteo Miceli, ecovelista, recordman e scrittore, in ogni sua avventura, dai tempi della traversata di Biondina Nera. Il motivo è la sua straordinaria umanità, la sua incredibile disponibilità nei confronti dei ragazzi”. Lo ha sottolineato il dirigente scolastico dell’IIS Viale Adige Stefania Tinti. Infatti durante le ultime fasi concitate dei preparativi e delle ultime messe a punto per il giro del mondo in barca a vela senza assistenza, senza scalo e in competa autonomia energetica e alimentare, Matteo Miceli ha trovato il tempo per chiacchierare e farsi fotografare con gli studenti dell’IIS Viale Adige. “Non eravamo sicuri di incontrarlo – hanno spiegato gli studenti – abbiamo voluto fare un tentativo, quando abbiamo visto che la barca non era ormeggiata ci siamo rimasti male, ma poi ci siamo saliti sul molo e lo abbiamo visto rientrare, con la sua Eco 40 bellissima a vele spiegate, ci siamo emozionati”. Il motivo dell’incontro tra i ragazzi con disabilità e il velista Miceli era parlare un po’ di orti. Confrontare i diversi metodi di coltivazione che usano i ragazzi del progetto integrato dell’IIS Viale Adige “Un orto sinergico, per una sinergia inclusiva” e l’orto di Matteo Miceli che sulla sua ECO 40 gli servirà per fornirgli le vitamine e gli alimenti di cui ha bisogno. E lo scambio è stato fattivo e interessante i ragazzi hanno raccontato le fasi del loro lavoro e le hanno confrontate con quelle di Miceli. “Ci tenevamo molto – ha sottolineato la professoressa Nunziato – per i nostri alunni, soprattutto per quelli in difficoltà, Matteo è sicuramente un esempio, per la sua determinazione e forza di volontà ma anche per la sua capacità di entrare subito in sintonia, di essere un po’ fratello maggiore, un po’ amico, è stato molto bello. Domenica saremo in tanti sul molo a salutarlo e ad augurargli buon vento”.

ULTIME NEWS