Pubblicato il

«Subito una programmazione turistica adeguata»

«Subito una programmazione turistica adeguata»

Il consigliere comunale del Terzo Polo Pietro Serafini attacca il sindaco Mauro Mazzola: «Hai voluto la bicicletta, ora pedala». «Il primo cittadino giustifichi l’aumento delle tasse con un incremento dei servizi»

TARQUINIA – Altro che pedalare in bicicletta, peraltro con il meccanismo assistito. Il sindaco Mazzola dovrebbe ‘‘pedalare’’’ di più per occuparsi del suo paese. A cominciare da una adeguata programmazione turistica in vista della prossima stagione, per proseguire poi con un sostanziale incremento dei servizi che possano, almeno in parte, giustificare l’aumento delle tasse. Il consigliere comunale del Terzo Polo, Pietro Serafini, lancia così l’ennesimo affondo all’indirizzo del primo cittadino. «In questi giorni – attacca Serafini – si è visto il nostro Sindaco mentre, come uno scalatore del Giro d’Italia, giungeva trionfante in piazza Matteotti in sella alla sua bicicletta con la pedalata assistita, proponendo dei contributi comunali per l’acquisto di questi mezzi non inquinanti. Un’iniziativa lodevole, non c’è che dire, soltanto che ritengo prioritari altri provvedimenti in questo periodo dell’anno. Innanzitutto perché, andando incontro all’inverno non credo che la bicicletta sia un mezzo comodo ed adeguato, secondo poi perché ora è il momento di pensare ad investire per garantire una presenza turistica importante per la prossima stagione». «La tendenza dell’amministrazione – prosegue Serafini – è quella di incrementare gli introiti comunali tramite l’aumento delle tassazioni, chiedendo quindi maggiori sacrifici ai contribuenti, senza però effettuare dei tagli significativi sulla spesa corrente, fatta eccezione per quelli effettuati illogicamente. Per fare un esempio, si può parlare dell’Imu sulle seconde case, l’aliquota che è salita dallo 0,96 per cento all’1,06, apportando così alle casse comunali un maggior gettito di circa 600mila euro, mettendo però i proprietari degli immobili nella condizione di dover vendere i beni, o comunque di non poter diminuire le richieste d’affitto, creando in questo modo un circolo vizioso secondo il quale il turismo stanziale rischia di subire un drastico calo».  «Il tutto – afferma il consigliere del Terzo Polo – avviene senza che la categoria vessata giovi in alcun modo di servizi comunali, dato che sia al Lido che nella zona residenziale di Marina Velca, dove si annidano la maggior parte degli immobili soggetti ad Imu secondaria, mancano quei servizi di primaria necessità quali, ad esempio, la raccolta differenziata o, nel caso del Lido, il miglioramento delle infrastrutture». E non è finita qui. «Un altro esempio di errata strategia – incalza Serafini – si trova nel taglio dei trasporti con la soppressione delle linee per raggiungere località distanti dal centro, quali Spinicci e Pantano, e soprattutto la linea di collegamento con il porto di Civitavecchia, in questi giorni vero e proprio fulcro turistico con l’approdo delle navi da crociera». Un caso diverso è invece rappresentato dalla spesa pubblica finanziata dalla Tasi, «che – ricorda Serafini – ha subito sì dei tagli, ma ancora non adeguati, tanto che nell’estate appena trascorsa l’amministrazione è stata bacchettata dal commissario per la revisione della spesa incaricato dal governo, Carlo Cottarelli». «In tutto questo – ricorda il consigliere del Terzo Polo –  la cittadinanza attende ancora “fiduciosa” quei famosi 5mila posti di lavoro sbandierati in campagna elettorale e dei quali ancora non si hanno notizie». «Al contrario – conclude Serafini – in assenza di investimenti importanti e strategici sullo sviluppo generale della città, ci ritroviamo un Lido abbandonato e privo di servizi e manutenzioni, lacune che fanno si che il turismo cali e che gli operatori del settore si trovino in condizione di non poter creare lavoro. L’augurio è che, tra una pedalata e l’altra, il nostro Sindaco si ricordi anche di convocare il consiglio comunale sull’autostrada richiesto da tutta la minoranza oltre un anno fa, dove deve spiegare all’opposizione ed alla cittadinanza se la sua gestione personalistica ha raggiunto degli obiettivi e se la Sat ha adempito a tutte le osservazioni avanzate dall’amministrazione nel progetto approvato in sede di consiglio comunale». (a.r.)

ULTIME NEWS