Pubblicato il

Tidei: "Urbanistica, mesi di immobilismo"

CIVITAVECCHIA – «Dopo quasi 6 mesi di amministrazione Cozzolino, dobbiamo constatare che neanche un provvedimento urbanistico è stato portato in consiglio comunale e neanche è inscritto all’ ordine del giorno dello stesso Consiglio». È quanto dichiara Pietro Tidei, affermando che neppure ci sarebbe traccia di un piano quadro degli indirizzi propri del governo del territorio sui quale la giunta identifica la sua azione politico – amministrativa. «Invece assistiamo al nulla – afferma l’ex Sindaco – il deserto di qualsiasi attività di programmazione che coinvolga settori focali come quello del disegno urbanistico del territorio, della sua gestione o del consumo di suolo, oppure ancora come temi di relazione tra il suolo urbano e gli ingombranti insediamenti dell’Enel e del suo retroterra. Temi già affrontati dalla passata amministrazione – prosegue – con la programmazione di grandi parchi urbani, dove coinvolgere proprio l’Enel su politiche ambientali di rimboschimento e valorizzazione. I progetti su Zampa d’Agnello , Parco serbatoi , l’area di fronte all’Ospedale , i parchi urbani (Resistenza , Spigarelli , Foibe ) sono stati scelte, indirizzi con i quali l’amministrazione Tidei si è misurata con la Città e con le sue esigenze, proponendo e costringendo spesso l’Enel ad assumersi impegni sulle politiche di risanamento urbano e paesaggistico». Tidei rincara la dose: «Qui assistiamo ad una cappa di piombo sulla città, lo zero di programmazione, lo zero di atti pubblici e soprattutto lo zero di progetti di crescita»

ULTIME NEWS