Pubblicato il

Rifiuti interrati, i periti: "Questa è un'altra area"

Rifiuti interrati, i periti: "Questa è un'altra area"

Clamorosa rivelazione dei consulenti della Procura e dell’Enel durante il processo: carotaggi eseguiti in un posto diverso da quello mostrato nel video al centro dell’inchiesta

CIVITAVECCHIA – Clamorosa rivelazione dei periti di Enel e Procura al processo sul caso dell’interramento di rifiuti nell’area della centrale di Torre Valdaliga Nord.
Come si ricorderà, nacque da un video, consegnato alla responsabile locale del Forum Ambientalista Simona Ricotti, dove si vedevano dei camion caricati di questi rifiuti e che poi venivano interrati nella zona dove doveva sorgere il famoso bosco Enel, una delle prescrizioni previste per la concessione all’ente elettrico per poter realizzare la centrale a carbone.
Nel corso dell’ultima udienza, sono appunto stati chiamati sul banco dei testimoni i due periti.
A loro e a tutte le parti presenti al processo è stato mostrato quel video. Una volta visionato, sia il consulente della magistratura inquirente che quello dell’Enel hanno detto che, l’area che veniva mostrata nel video, in realtà non era quella su cui loro avevano svolto i carotaggi nel terreno per verificare la presenza dei rifiuti.
Testimonianza che chiaramente ha lasciato abbastanza di stucco tutto i presenti, tanto che il giudice ha deciso di riconvocare per la prossima udienza, prevista per il 19 gennaio prossimo, i carabinieri che avevano delimitato l’area, allo scopo di chiarire se l’errore è appunto dei militari dell’Arma oppure se gli è stato indicato appositamente un altro appezzamento di terreno allo scopo di non far trovare i rifiuti quando poi sarebbe stata svolta la perizia.

ULTIME NEWS