Pubblicato il

Spi Cgil: "Subito una convenzione con l'agenzia delle Entrate"

CIVITAVECCHIA – “L’Istat ha certificato che il 28% della popolazione italiana sta scivolando verso la povertà estrema. Anche nella nostra zona  un terzo della popolazione scivola verso la povertà, mentre il 10% della popolazione possiede la metà della ricchezza, spesso non dichiarata al fisco. I comuni lamentano che le risorse per i servizi sociali e le misure di contrasto alla povertà sono poche poiché lo Stato versa nelle loro casse sempre meno risorse. Ma c’è un modo per invertire, anche se parzialmente, questa tendenza: collaborare con l’Agenzia delle Entrate per recuperare risorse sottratte allo Stato con l’evasione fiscale”. La proposta arriva dallo SPi Cgil. “La legge consente ai Comuni che sottoscrivono una convenzione contro l’evasione fiscale  di incassare buona parte delle somme recuperate, da utilizzare per i servizi sociali e per il sostegno alle persone più disagiate – spiegano Eraldo Riccobello per lo Spi comprensoriale e Maurizio Oroni per la Lega Spi Cgil – molti Comuni hanno già sottoscritto questa convenzione e lo Stato ha fatto arrivare nelle loro casse centinaia di migliaia di euro, utilizzati per abbassare la Tari per i pensionati o i disoccupati, oppure incrementare l’assistenza domiciliare alle persone non autosufficienti. Già dallo scorso anno il sindacato pensionati della Cgil ha sollecitato i comuni del comprensorio (Civitavecchia, Santa Marinella, Allumiere, Tolfa, Ladispoli, Cerveteri) a sottoscrivere con l’agenzia dell’entrate apposita convenzione. Oggi scriviamo ai Sindaci e informiamo le comunità locali che è importante sostenere tutti insieme questa battaglia del Sindacato SPI: ridurre l’evasione fiscale si può per alleviare i disagi dei cittadini in difficoltà”.

ULTIME NEWS