Pubblicato il

Trasferimenti dei comunali, la Cgil Fp non ci sta

CIVITAVECCHIA – La Cgil Fp contesta i trasferimenti dei comunali, parlando di una illegittimità dietro l’altra. Il segretario Diego Nunzi sottolinea innanzitutto come decisioni del genere non spettino alla giunta, come invece sembra essere stato in questo caso. «Si parla – ha sottolineato – di trasferimenti ed assegnazioni di personale senza un minimo di riflessione, condivisione con i dirigenti e, soprattutto, senza tener conto delle specifiche professionalità e dei curricula lavorativi. A farne le spese saranno ancora una volta i cittadini che dovranno pagare in termini di servizi mal organizzati l’incompetenza della Giunta Cozzolino». Secondo Nunzi cosa umanamente ancor più grave, “si sono messi in moto 40/50 trasferimenti senza il minimo preavviso agli interessati spesso calpestando e umiliando professionalità veramente preziose per il Comune e sicuramente di difficile sostituzione. Per esempio – ha spiegato – in un solo colpo si è trasferito l’unico dipendente dell’Ufficio Statistico e tre dipendenti dell’Anagrafe di cui due con la qualifica specifica di Ufficiale di Anagrafe come pure si è trasferito il tecnico che da quasi 35 anni seguiva le manutenzioni di edilizia scolastica senza alcuna motivazione. E potremmo citarne altri. Non possiamo che esprimere la nostra convinta solidarietà e la propria vicinanza ai dipendenti trasferiti ed a quelli non trasferiti che comunque dovranno subire il malfunzionamento dovuto a queste epurazioni immotivate.  Un’altra motivazione forte per continuare le iniziative di lotta che, ovviamente trarranno da questi provvedimenti nuova linfa. Chiediamo pertanto formalmente la revoca delle deliberazioni in oggetto – ha concluso – per le parti che stabiliscono i trasferimenti dei dipendenti e che si riporti l’intero iter procedurale nelle giuste e legittime procedure previste da norme e contratti di lavoro. Chiediamo infine la convocazione immediata della Delegazione Trattante per discutere sulle deliberazioni 113/2014 e 3/2015”.

ULTIME NEWS