Pubblicato il

"Faremo un richiamo alla Gesam", continua la protesta dei cittadini

SANTA MARINELLA DI GIAMPIERO BALDI –  Nei giorni scorsi, c’era stata una vibrata protesta da parte dei residenti di via Aurelia 283, che accusavano la Gesam di non rispettare il capitolato d’appalto, in base al quale venivano stabilite le tempistiche della raccolta di plastica, carta, indifferenziati e umido. Gli inquilini dello stabile  che si trova in pieno centro cittadino, rimarcavano il fatto che da giorni facevano salti mortali per cercare di tenere in ordine i contenitori della plastica che, a causa del ritardato ritiro  erano colmi di rifiuti.

Gli abitanti del palazzo, inoltre,  facevano notare che all’interno del contenitore erano presenti ancora i cartoni dei panettoni che erano stati aperti il giorno di Natale.  Le lamentele non sono passate inosservate all’amministrazione comunale che per bocca del sindaco Roberto Bacheca ha annunciato che prenderà provvedimenti. “Faremo un richiamo alla Gesam invitandola al rispetto del capitolato – dice il primo cittadino – comunque non tutte le colpe devono ricadere sulla società che ha in gestione la raccolta dei rifiuti, perché molti cittadini ancora non effettuano come si deve il porta a porta. Infatti nell’anno appena trascorso abbiamo inflitto molte multe a chi ha lasciato buste di plastica piene di rifiuti vicino alle campane del vetro o dei pannolini o ha abbandonato materiali inquinanti nelle colline. Sono persone che sono state individuate grazie alle telecamere che abbiamo collocato in varie zone della città o che sono state colte in flagranza di reato dai Rangers d’Italia”. 

ULTIME NEWS